La deportazione degli insegnanti

Standard

anellidifum0:

Meno male che non sono l’unico che la pensa come Uguali Amori.

Originally posted on Uguali Amori:

Avviso: questo post è ad alto tasso polemico. Altissimo.

Questi poveri insegnanti supplenti. Che si sono scelti il lavoro che volevano fare, hanno un orario di lavoro a dir poco comodo, mesi interi e consecutivi di ferie, nessuno che li tampina sul posto di lavoro per produrre, produrre, produrre, fatturare, produrre, clienti, clienti, non corrono rischi di essere licenziati nel corso della loro vita, alle due di pomeriggio stanno a casa, si sono potuti permettere il lusso di una laurea a scelta e non di una che fosse difficile da prendere (si sa che l’Italia ha una grande carenza di laureati in Lettere) e adesso, addirittura, sono costretti ad andare a lavorare lontano da casa.

Ohibò! E che stiamo scherzando? E’ giusto che lorsignori possano scegliersi che lavoro fare, quando farlo, con chi e sopratutto dove.

Uno, giustamente direi, vuole lavorare sotto casa, per poche ore al giorno, per un…

View original 600 altre parole

Utile dialogo con Elly Schlein sul referendum abrogativo sulla Riforma della Scuola

Standard

Elly Schlein, eurodeputata prima del PD ora del gruppo E’ Possibile di Civati, è una delle politiche che stimo di più. La stimavo prima, nel PD, e infatti l’ho votata, continuo a stimarla adesso, anche se alcune delle battaglie politiche che ora fa mi trovano in disaccordo.

Schlein sta raccogliendo le firme per 8 referendum abrogativi, alcuni condivisibili, altri proprio no. In un dialogo con lei su FB, mi sono voluto concentrare sul quesito che più mi trova in disaccordo. Questo è il dialogo, civilissimo e puntuale, ma assai franco, che ne è venuto fuori sul suo muro di FB.

Screen Shot 2015-08-20 at 7.40.09 PM

Screen Shot 2015-08-20 at 7.29.02 PMScreen Shot 2015-08-20 at 7.29.19 PMScreen Shot 2015-08-20 at 7.29.33 PM

Il livello di certi commentatori de Il Fatto Quotidiano

Standard

Insomma, la notizia è di quelle da leccarsi i baffi: il ministro dei Beni Culturali, Franceschini, anziché nominare a direttore dei principali musei italiani qualche amico degli amici, emana un bando pubblico, a suo tempo pubblicato su tutti i più raffinati media internazionali e la selezione è fatta sulla base dei CV, dei titoli, delle competenze. Ecco che alcuni dei migliori nomi nazionali e internazionali (qui i nomi, omessi nell’articolo de Il fatto) diventano direttori di questi musei. Una cosa normale per il resto del mondo, non per l’Italia, dove solo pochi anni fa a dirigere il Maxxi fu collocata una politica trombata.

Naturalmente fra i commentatori de Il Fatto Quotidiano, in maggioranza grullini, la cosa non viene compresa. Fra accuse nazionalistiche e altre amenità, sono molti quelli che si lamentano pur che sia, ma per fortuna sono anche molti quelli che spiegano l’ABC. In risposta a uno di questi generosi benefattori di pillole di buon senso, uno dei commentatori più duri pone una domanda, come dire, di base, alla quale mi sono sentito in dovere di rispondere:

Screen Shot 2015-08-18 at 12.24.02 PMScreen Shot 2015-08-18 at 12.24.26 PM

Roma. Mi avete fatto incazzare.

Standard

anellidifum0:

Condivido questo post di Cristiana anche nei respiri.

Originally posted on NON SI POSSONO FERMARE LE NUVOLE:

Non ne posso più. Lo confesso. Sarà che non abito a Roma da più di un anno e che giro l’Italia da sempre, ma non è tollerabile questo bombardamento ipocrita. Una specie di moda. Come un Moncler. Spara Gassman (a dire il vero l’unico che almeno ha mostrato un po’ di senso civico) arrivano Verdone, Muccino(che pare abbia postato foto del 2009e del 2013e sarebbe da chiedergli i danni)e Proietti (anche lui propositivo va detto). Tutti romani. Tutti der cinema, tutti der salotto buono della Roma passata. E qui mi fermo non voglio infierire sulla Grande Bellezza. La grande Cultura del modello Roma consumata come una cicca di sigaretta evidentemente (io se fossi un intellettuale romano di quella generazione un po’ di autocritica indivanata me la farei)

Si sono svegliati con il New York Times? Si sono svegliati perché sui giornali non si parla di altro?O…

View original 253 altre parole

Roma, l’inglese e le redazioni locali dei giornali.

Standard

anellidifum0:

Sindaco Marino apprezzato dal New York Times.

Originally posted on NON SI POSSONO FERMARE LE NUVOLE:

11737947_10153062386603435_8739430589793161899_nScrive giustamente Guido Allegrezza:

Il titolo originale è “A virtuous mayor vs. Roms’s vice”.

Significa “Un sindaco virtuoso contro il vizio di Roma”.

Come gli viene in mente di affermare che il titolo dell’articolo è “Il sindaco è onesto, ma lo è abbastanza per fermare il declino della città Eterna?”. Nell’immagine la pagina del New York Times fotografata questa mattina da Antonio Pavolini.” Ometto i commenti di Guido. 

 

View original

La reazione di Persio Tincani, democratico e collega universitario

Standard

Era lì, l’amico Persio, che discettava prendendo in giro Renzi sul giubbotto antiproiettile indossato sotto la giacca nell’incontro con il presidente del Kenya. Siccome andava giù con una sicumera un po’ fuori posto, e gigioneggiava su quella foto in effetti un po’ ridicola di Renzi, io ho fatto una domanda all’amico Persio, col quale si sono condivise tante, ma tante, battaglie da tastiera contro i vari clericali. Qui vedete la domanda e la sua risposta:

Screen Shot 2015-07-18 at 11.46.53 PM

Rispondo qui, Persio, perché mi hai segato dalla tua bacheca: non credo che la mia domanda fosse né aggressiva, né arrogante. Almeno io non ci ho messo il tono che ci hai letto tu. Siccome ti conosco su FB da alcuni anni, ti so di norma un uomo di buon senso e acuto. La prima volta che ti comporti come un Mario Adinolfi qualunque, ti ho chiesto come mai fossi così sicuro di sapere come le cose erano andate. Dopotutto sei un professore di Filosofia del diritto e di Legal Realism: uno si aspetta un certo genere di post da te, e anche un certo genere di risposta. Mi rendo conto di averti messo in difficoltà con quella domanda, ma via, arrivare a togliere il contatto FB a uno che ti fa una domanda a cui non sai come rispondere, è un toccare il fondo in modo un po’ scialbo.

Su Antonello, Dimenticare Pasolini, e l’importanza della cultura low-brow

Standard

dimenticare_pasoliniSuccede (rarissimamente) alle volte che rispondendo a un commentatore un po’ polemico, venga fuori una replica che ha dignità di post a sé stante. Riproduco qui un brano di ciò che ho risposto a questo Andrea971 riguardo al pensiero di Pierpaolo Antonello, così come espresso (e recensito sul Fatto) nel suo volume Dimenticare Pasolini:

Il blogger recensisce e interpreta, quindi chi sostiene è l’autore. Antonello sostiene che le sorti della società, più che della cultura, italiana sono migliorate per un miglioramento oggettivo nell’istruzione media delle masse e per una diffusione dell’alfabetizzazione informatica e non informatica. Il capitalismo di Berlusconi ha fatto il possibile per danneggiare il quadro sociale, soprattutto minandone la base etica, ma è rimasto imprigionato in una visione aziendalistico-familistica che non aveva interesse e forse nemmeno spirito o curiosità a modellare la società italiana in senso liberista o iper-liberista. Quello che lei chiama “industria culturale” (e lo fa con un’accezione negativa, o mi sbaglio io?) è invece un fattore positivo e ben precedente all’arrivo di Berlusconi al potere. L’industria culturale italiana è sopravvissuta all’avvento di Berlusconi e ha anzi trovato elementi di rafforzamento dalla diffusione di massa della radio, poi della televisione a colori, poi dei personal computer, poi di internet, quindi del web 2.0 e così via. Questo perché, per metterla in modo chiaro, non è che a scuola oggi si insegnano Facebook o Instagram al posto di Dante e Pasolini, ma si insegnano Dante e Pasolini anche attraverso Facebook e Instagram. E non parliamo poi del sapere scientifico, che ha fatto passi inimmaginabili come progresso, ma anche come sapere diffuso di base.

Tutto questo proprio perché Antonello riconosce dignità alla cultura low-brow più ancora che a quella high-brow, rifacendosi in questo al pensiero di Eco e di Fiedler prima di Eco. Pasolini aveva una visione differente, naturalmente, ma in questo occorre un suo superamento ed è utile ricordare altri intellettuali che hanno appoggiato la teoria di Fiedler, McLuhan, Eco, come per esempio Arbasino e Pier Vittorio Tondelli.

Qui, fra amici anellidi, posso anche aggiungere il mio nome all’ultimo posto della lunga fila degli scribacchini italiani che hanno difeso il valore della cultura low-brow. Vedere, per credere, i romanzi Angeli da un’ala soltanto e Tutta colpa di Miguel Bosé.