Luttazzi a “Rai per una notte”: il videoclip

Standard

A grandissima richiesta:

Come ho già detto, questo monologo di Daniele Luttazzi rappresenta la più chiara, violenta e potente critica satirica nei confronti di Silvio Berlusconi e, ancor di più, degli italiani che votano Silvio Berlusconi. La rasoiata non è fenomenale per la mera componente scurrile, che è parte dell’invettiva contemporanea applicando in modo quasi banale la metafora sessuale al rapporto di potere politico, bensì per l’elencazione senza fiato delle malefatte commesse dal Presidente del Consiglio. “Non è importante che…” e poi giù botte.

L’evento “Rai per una notte” è stato storico per la rete: 5700 tweet in italiano all’ora al momento del monologo di Luttazzi, un numero di reazioni paragonabili a quelle scatenate da un grande cataclisma come il terremoto del Cile, ma senza contare che in quel caso i tweet erano in spagnolo, che è lingua ben più parlata dell’italiano. Una riflessione interessante in questo senso la potete leggere qui.

Il mondo ride di noi (e non con noi)

Standard

Rubo questo video a D-Avanti. Il progamma è andato in onda sulla BBC, rete notoriamente di stampo bolscevico. Mi domando se Scajola riuscirà a stoppare anche questa satira, che mi pare un momento più feroce di quella che si può fare in Italia.

***

Esce oggi in 400 copie l’ultimo film di Tarantino. Per chi fosse interessato a una mia recensione, rimando a ciò che ho scritto tra le mura della casa vecchia.