Che fatica aggiornarsi, per noi blogger della vecchia guardia

Standard

Insomma, come vi sarete accorti a meno che abbiate problemi di vista, Anellidifum0, dopo non so quanti anni di una grafica minimalista, da oggi cambia colori e stile. Vi piaceva di più quella di prima, semplice semplice? Vi piace di più questa, colorata e più allegra? Scrivete pure ciò che ne pensate nei commenti, tanto poi la nuova grafica rimarrà questa lo stesso… no, scherzo, capace pure che ora ne cambierò diverse in un periodo relativamente breve.

Il vero problema, per noi che teniamo un blog dal 2004, ossia da ben 10 anni signori, è che Internet si è fatto sempre più complesso e tecnologico negli ultimi anni, e noi che abbiamo una vita anche al di là dello schermo, abbiamo nettamente perso traccia di tutti i cambiamenti. Se già il passaggio dal Cannocchiale a WordPress fu alquanto traumatico per diversi di noi, sono ormai molti anni che WordPress, al pari delle altre maggiori piattaforme da blog, offre una miriade di servizi di vario tipo, di cui noi blogger anziani sappiamo poco o nulla.

Per spiegarvi quanto indietro sono rimasto io, potrei dirvi che non ho ancora afferrato il funzionamento dei feed, e meno che meno quello dei reader. Anzi, se qualcuno di voi sa cosa sia Netvibe, e come funzioni, me lo dica, perché ormai sono arrivato a farmi un profilo Netvibe nel tentativo di seguire i miei blogger preferiti, ma non so nemmeno come funzioni di preciso. So solo che da quando non uso più la mia barra dei blog che leggo più spesso, ho sostanzialmente smesso di seguire i post dei blog che, un tempo, leggevo tutti i giorni. Certo, i social network sono i principali responsabili, ma anche la nostra personale pigrizia ha fatto il resto. Morale, oggi ho fatto un po’ di pulizia nella mia barra dei blog che seguo, scoprendo cose sconvolgenti, come per esempio il fatto che Larvotto, più che un blogger uno stile di vita filosofico, un guru dei miei trent’anni, come blog non esiste più e se oggi voglio un po’ di fuffa docg, devo rifarmi sul suo profilo Tumblr, se non mi sbaglio. Son cose, gente.

A ogni modo, per farvela breve, questa nuova grafica di Anellidifum0 dovrebbe avere il pregio di mettervi in condizione agevolata per seguire i miei sproloqui. E non dimenticatevi di commentare quando vi viene di farlo, perché un blog con pochi commenti non è davvero degno di questo nome. Quindi: cerchiamo di combattere tutti la pigrizia, io posterò più frequentemente, come già fatto nelle ultime settimane, ma voi anellidi vi impegnate a commentare più spesso di quanto abbiate fatto di recente. E buona lettura, come sempre.