Le parole che lui non ti ha detto

Standard

Ho letto questa bella letterina a Donna Fanalia, con la sua risposta, e ho postato un mio commento, che ribadisco qui:

Molte donne, invece, considerano SOLO le parole che i loro uomini NON dicono. Nemmeno quelle che dicono, che ancora ancora un senso lo avrebbero, per capire cosa prova un uomo: gli fai l’analisi testuale e via. No. Pensate a quello che secondo voi sarebbe giusto sentirsi dire, ma che il vostro uomo non vi ha detto. E su quella falsa partenza (perché bellemie, alla fine lui è lui e non è te, ma questo varrebbe anche all’interno di una storia lesbica) costruite delle fantasmagoriche teorie di dramma & disperazione, in modo da potervi finalmente lamentare con lui: non mi ami, non mi pensi, non mi pensi abbastanza, non mi pensi sempre, non mi pensi sempre e non mi pensi abbastanza e non mi pensi quando voglio io che mi pensi, ossia proprio quando non mi pensi. Poco importa che magari lui sta intanto facendo le carte per il mutuo del nuovo appartamento dove andrete a convivere, o che abbia appena spedito gli inviti al matrimonio, o stia facendo con voi le pratiche per adottare tre figli: quelli son fatti, cosa vuoi che contino? Le parole che non ha detto, concentratevi solo su quelle.