2012 in review

Standard

I folletti delle statistiche di WordPress.com hanno preparato un rapporto annuale 2012 per questo blog. La cosa più interessante è che il post di maggiore impatto nel 2012 è stato scritto nel 2009 ed è “Come si vive a Toronto”. Considerato che ricevo spesso anche delle email personali da lettori che stanno pianificando il loro viaggio (per sempre o per un periodo) in Canada, penso che prossimamente scriverò qualcosa su Ottawa, e sul Canada in generale. Per il resto, sono già molto contento di essere riuscito a tenere vivo e attivo questo blog, in un’epoca in cui i socialcosi hanno sostanzialmente ammutolito la blogosfera con tutte le loro comodissime diavolerie. Ma noi blog star della prima ora, come dire, resistiamo. Ora e sempre…

Ecco un estratto:

19,000 people fit into the new Barclays Center to see Jay-Z perform. This blog was viewed about 60.000 times in 2012. If it were a concert at the Barclays Center, it would take about 3 sold-out performances for that many people to see it.

Clicca qui per vedere il rapporto completo.

Al telefono con il servizio nettezza urbana e riciclaggio

Standard

Insomma, a Ottawa funziona così: tu mandi una mail per chiedere di ricevere il nuovo calendario che spiega in quali giorni puoi buttare cosa e come, e loro ti telefonano a casa per risponderti. Nasce così il seguente dialogo fra me e l’impiegata:

Lei: “Ha altre domande?”

Io: “Sì, una: ho catturato dei piccoli topolini con una trappola alla colla. Dove butto il tutto?”

Lei: “Uhm, direi nell’indifferenziata, per via della colla. Mi faccia controllare. (Digita e dice a voce alta cosa digita: “carcasse di animali”) No, non nell’indifferenziata, dice qui. Ma dove, mica lo dice.”

Io: “Già, avevo controllato anche io. Non dice dove.”

Lei: “Uhm, è un problema, perché colla e carcasse di animali non dovrebbero stare insieme.”

Io: “Sì, bisognerebbe dirlo alle ditte che producono le trappole per topi alla colla, perché ormai, come dire, la frittata è fatta. Io avevo pensato di seppellire il tutto sottoterra: qui di terra ce n’è tanta.”

Lei: “Si trova in una zona isolata?”

Io: “Ho un fiume di fronte.”

Lei: “Beh allora mi sembra la soluzione migliore.”

Io: “Sì, e inoltre se i topolini erano religiosi, sono sicuro che apprezzeranno.”

L’impiegata ride, a dimostrazione che i canadesi hanno qualche barlume di umorismo e che non è vero che sono poi così ligi alle loro regole. Non c’è scritto da nessuna parte che si è autorizzati a seppellire dei rifiuti, in Ontario.