Di vita e morte. Il rumore delle radici.

Standard

Ieri è stata una giornata speciale. Ieri era un anno che papà Gaetano non c’è più. E la sorellide ha scritto la sua preghiera laica. Difficile da leggere per quanto è semplice e bella.

Ieri è stato un giorno di massima crisi. Che si è risolta oggi. Perché, ancora una volta, il potere delle parole scritte valica le durezze, i fraintendimenti, le incomprensioni della vita.

Ieri è stato un giorno di lacrime e silenzi.

Oggi è un giorno di lacrime e speranze e propositi.

Domani sarà un giorno di rumori, forse di urla, e di radici.

Perché alla fine la vita cos’è, se non il rumore di chi amiamo?