Le rare volte in cui a Sanremo han vinto i migliori

Standard

Ieri abbiamo detto che di solito al Festival di Sanremo non vincono i migliori. E la cosa è indubitabilmente vera. Oggi vediamo i rari casi in cui invece tre canzoni molto belle sono state premiate a Sanremo. Per questioni di attualità, mi limito ai Sanremo che ricordo io, dal 1978 a oggi. Con questo post, chiudo la parentesi sanremese di AdF, che da domani torna a occuparsi di cose meno frivole. Per dire, ieri era il 45° anniversario dell’omicidio di Malcolm X, e oggi è il trentennale dell’omicidio di Valerio Verbano e m’è costato non parlarvene. Magari recupererò!

Credo che la medaglia d’oro vada all’edizione Sanremo 1981, dove questa canzone vinse il Festival:

Va anche ricordato che al secondo posto si piazzò la splendinda Maledetta primavera di Loretta Goggi.

La medaglia d’argento va all’edizione Sanremo 1986, dove vinse:

E dove si piazzò seconda Il clarinetto di Renzo Arbore, e terza Senza un briciolo di testa di Marcella.

La medaglia di bronzo è Sanremo 2000, dove vinse:

Segnalo poi Sanremo 1978, dove arrivò 2a un’Anna Oxa 16enne all’esordio con Un’emozione da poco. E poi l’edizione 2007 (Simone Cristicchi, Ti regalerò una rosa, vincitore anche del premio della critica), l’edizione 1993, vinta da Enrico Ruggeri con Mistero, secondo Cristiano De Andrè con Dietro la porta, vincitore anche del premio della critica, terze Rossana Casale e Grazia Di Michele con Gli amori diversi. In rappresentanza di tutti questi, metto: