La deportazione degli insegnanti

Standard

Meno male che non sono l’unico che la pensa come Uguali Amori.

Uguali Amori

Avviso: questo post è ad alto tasso polemico. Altissimo.

Questi poveri insegnanti supplenti. Che si sono scelti il lavoro che volevano fare, hanno un orario di lavoro a dir poco comodo, mesi interi e consecutivi di ferie, nessuno che li tampina sul posto di lavoro per produrre, produrre, produrre, fatturare, produrre, clienti, clienti, non corrono rischi di essere licenziati nel corso della loro vita, alle due di pomeriggio stanno a casa, si sono potuti permettere il lusso di una laurea a scelta e non di una che fosse difficile da prendere (si sa che l’Italia ha una grande carenza di laureati in Lettere) e adesso, addirittura, sono costretti ad andare a lavorare lontano da casa.

Ohibò! E che stiamo scherzando? E’ giusto che lorsignori possano scegliersi che lavoro fare, quando farlo, con chi e sopratutto dove.

Uno, giustamente direi, vuole lavorare sotto casa, per poche ore al giorno, per un…

View original post 600 altre parole

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...