ElfoEsaurito

Standard

Vi ricordate ElfoBruno? Lo abbiamo conosciuto in molti per essere un blogger brillante, simpatico, cordiale. Un uomo mai, mai, mai spaventato dalla polemica.

Ebbene, la gente invecchia e cambia. Questa è una lezione imparata tempo fa. Così succede che da un po’ di tempo (all’incirca, da quando il PD di Renzi ha preso l’inaspettato 40,8% dei voti, se s’è messo a portare a casa alcune riforme) ElfoBruno ha fatto tilt. Così ha cominciato a censurare, togliendo il contatto Facebook e altri social, a tutte quelle persone (amici decennali inclusi, eh) che hanno osato esprimere opinioni differenti da quelle sue. Non solo: hai osato mettere un “like” a una cosa detta da un contatto che ha espresso un’opinione differente da quella di Elfo? Cancellato anche tu. Chiedere a Jim Douglas per conferma.

Inoltre, ElfoBruno ha cominciato a insultare in modo sistematico quel 40,8% di italiani (fra cui mi colloco idealmente anche io, anche se in effetti alle ultime avrei votato Lista Tsipras e, col senno di poi, pentendomene; comunque nel PD sono di certo un civatiano e non un renziano) scrivendo che sono tutti “consustanzialmente cretini”. Tu ricordi che gli “80 euro” di Renzi non sono un’elemosina, ma una redistribuzione del reddito che vale per 18 mesi e poi diventerà strutturale? Sei un renziano di merda. Gli ricordi che eventualmente sei un civatiano di fango, e che a forza di ripetere questo suo mantra la cosa “ti fa sembrare un idiota, quale di certo tu non sei”? Lui la prende per un “raffinato artificio retorico da giornalista” [sic!] e, in pieno straw men delirium, ti accusa: “Mi hai dato dell’idiota in pubblico!” A parte che non è vero, Dario, perché se volevo darti dell’idiota in pubblico ti scrivevo “Idiota”, ma che, davvero? Ma te posso dà der tu, Dario?

Rosaria Iardino scrive un post in queste ore assai discusso. ElfoBruno reagisce in modo scomposto: “La solita piddina incompetente sull’AIDS”. Tu spieghi a ElfoBruno che Rosaria Iardino può aver detto una stupidata (e io non la penso così, ma tralasciamo) e che eventualmente va attaccata per ciò che ha detto, non per chi è, perché semmai è un simbolo della lotta all’AIDS da tipo 30 anni? Allora ElfoBruno ti taglia via. Non solo: va così fiero della cosa che ci scrive un post apposito su. Per altro ricco di omertà: hai tanta paura a citarmi direttamente, Dario? Su, un briciolo di coraggio dattelo: a censurare ci vuol poco, a ribattere con argomenti validi è un tantino più ardua, ma ce la puoi ancora fare, come un tempo.

Succede così che io, dopo aver cercato inutilmente di farlo ragionare in privato, addirittura con una mail in cui gli chiedevo letteralmente “per favore” di non comportarsi in modo così brutto, e una chattata – dopotutto ci leggiamo reciprocamente dal 2004 e siamo amici nello splendore delle tre dimensioni da allora – alla fine gli ponga una domanda su un altro suo sito FB (sono i prezzi del voler essere presenti su FB anche con un profilo dedicato al proprio blog: un tantino eccessivo, forse, Dario?):

Caro Dario ma tu per altro fai l’insegnante e mostri questo grado di tolleranza zero per opinioni differenti dalle tue? Come ti comporterai dinanzi al primo studente, anche delle medie, che dovesse non condividere una tua opinione in un modo appena appena intelligente? Lo sbatti fuori dalla classe? Gli metti una nota? Gli metti due? A me pare davvero enorme che un insegnante abbia il livello di tolleranza zero che hai mostrato, proprio perché noi insegnanti siamo o dovremmo essere naturalmente portati al confronto e all’ascolto di opinioni diverse.”

Come reagisce ElfoBruno? Cancellando di nuovo l’intervento. Che almeno questa volta era un po’ severo, lo ammetto.

Allora che succede? Succede che finalmente m’incazzo. E quando ricevo, a notte, una mail privata di Dario, la cancello senza nemmeno leggerla. Lo dico qui a favore di Dario e di altri: se mi scrivete una mail personale e io non vi rispondo, significa solo due cose: o non mi è arrivata, e allora dovrebbe tornarvi indietro, oppure penso che non vi meritiate nemmeno una risposta perché avete passato il limite.

Per Dario però ho voluto fare un’eccezione. Così oggi sono tornato sul profilo FB del suo blog [ari-sic!] dove, come per magia, erano stati cancellati i miei interventi, ancora rispettosi ma di certo piccati. Interventi in cui gli dicevo, fra l’altro, che mi ero reso conto del numero di persone che lui aveva censurato togliendogli il contatto FB. Perché? Per reato di lesa differenza d’opinione (gente e gente che mi ha proprio scritto, dopo la pubblicazione di un mio post su FB, dicendomi: guarda che ha tagliato via anche me. E me. E me. E me. E me. Non finivano più!). A questo punto gli scrivo che noi pensavamo che non stesse tanto bene. Perché tu puoi litigare con un amico, e passi, magari c’hai pure ragione. Ma se litighi non con l’universo mondo, io un problemino me lo porrei.

Così, nella consapevolezza che ormai ElfoBruno non polemizza più con chi ha opinioni differenti, ma li censura alla Scalfarotto o alla Scanzi, pubblico qui lo screenshot dei miei ultimi interventi sul FB dell’Elfo:

E, per carità di patria, caro Dario, non ti dico altro.

Per ora.

5 pensieri su “ElfoEsaurito

  1. Fossi in te mi darei meno importanza. E mi interrogherei sul perché un semplice defollow ti stia procurando tali scompensi. Comunque per tranquillizzarti: il mio post non è dedicato a te nello specifico. L’unico commento che ho cancellato è quello in cui metti in discussione la mia professionalità (la considero una cosa da infami) per uno scazzo personale e riguardo al resto, fai una ricostruzione un po’ fantasiosa, ma la mettiamo tra le cose che si fanno per attirare l’attenzione su di sé.

    P.S.: se poi vogliamo dirla tutta, potresti anche ricordare che tempo fa mi hai dato del nazista solo perché avevo espresso opinioni divergenti dalle tue sulla sperimentazione animale, defollowandomi a tua volta, mentre io ti ho depennato solo perché non riesci a interagire con me senza essere sgradevole. Così, per correttezza.

  2. Non buttarti giù Dario, ti si dà la giusta importanza che meriti. Vuoi parlare di altro? Va bene: l’incidente cui fai riferimento tu, che colori come ti aggrada, si concluse con le mie scuse e il reinserimento del tuo contatto. Quando riceverò le tue scue e il reinserimento del contatto considererò la cosa.

    Poi sì, sono piuttosto fiero del fatto che se un amico decennale mi toglie la voce sul suo FB per una differenza d’opinioni la cosa mi crei un certo sussulto interiore. A te non lo crea? Mi dispiace molto per te. Oh, poi intendiamoci: si fa sempre in tempo a prendere atto che dopotutto è meglio perderti che trovarti, ma fino a quando non la penserò così, se permetti, m’incazzo con te. Per ora abbiamo anche opinioni diverse su cosa sia da infami: la domanda che ho ripubblicato nel mio post, o il fatto di trattare un amico come fosse uno sconosciuto? Insomma, secondo me chi si sta comportando da infame sei tu. Te lo scrivo chiaro, così che tu non possa dirmi che ho usato artifici retorici…

  3. Poi il bello è che io cerco di dimenticare i comportamenti infami degli altri. Ma se mi stuzzichi, la memoria mi torna.

    Quindi, per amore di memoria: tu scrivesti una cosa enorme sulla sperimentazione animale, tipo che non avresti sacrificato un tuo animale (cosa che naturalmente nessuno ti chiedeva) per salvare la vita di certi esseri umani. Che è perfettamente un pensiero nazista, caro Dario: infatti i nazisti amavano moltissimo gli animali, un po’ meno alcuni esseri umani.

    Ciò nonostante, proprio perché eravamo amici, dopo averti tolto il contatto per quella affermazione infame e nazista, te l’ho ridato convenendo che non avrei dovuto toglierti voce nemmeno in tal caso.

    Capisci la differenza? Vergognati.

  4. Ammazza che due coglioni… Tutta questa lunghissima solfa per dire che ElfoBruno è un settario. Ma no, che scoperta. Ho smesso di leggerlo anni fa, trovavo orribile quello che scriveva, sempre penso che quelli come lui siano la disgrazia del mondo gay italiano, tanto che sarei pronto a baciare in bocca pure Renzi (e ho detto tutto) pur di avere un minimo di regolamentazione sulle unioni civili che, ovviamente, a ElfoBruno non possono che fare schifo perché deve fare la vittima, l’altra metà dell’essere settario.

  5. Sì, ElfoBruno è diventato settario, ma anche in un modo particolarmente rigido e sterile. Io non mi sarei mai sognato di togliergli la voce dalla mia bacheca FB, anche per il non piccolo dettaglio che ci conosciamo di persona da anni dieci. Sul mio FB c’è Pierangelo Bucci con cui su 100 posizioni, ne abbiamo sì e no 10 in comune. Ci conosciamo da quanto? Dal 1999, penso. Ti pare che lo vado a censurare? Magari ci prendiamo a male parole (che poi, è molto relativo, tra amici) ma certo non penso di segarlo via perché la pensa diversamente da me. Questa cosa di Dario è davvero triste e allarmante. Chiaro che con atteggiamenti così non si va da nessuna parte, come associazionismo LGBT.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...