L’omofobia di Rosy Bindi

Standard

Il post seguente è stato rifiutato dalla redazione de Il Fatto Quotidiano con la seguente motivazione: “Ciao Sciltian,
ti ringrazio per averci provato, ma purtroppo il problema rimane. […], ma si tratta di una questione tecnica. se noi scriviamo Rosy Bindi è malata di omofobia, poiché siamo una testata giornalistica con un codice deontologico , Rosy Bindi ci querela. Quindi sentiti pure libero di pubblicare il post nel tuo blog, che è soggetto a regole diverse.

Non condivido la motivazione di questa piccola censura, perché è mia opinione che chi dice le frasi dette da Rosy Bindi (e riportate nel pezzo) è omofobo de facto, e una eventuale querela serve semmai a sancire la cosa anche a livello di Tribunale. Non è che se un giornale evita di scriverlo, quella persona diventa non omofoba. E’ solo l’ennesima dimostrazione di quanto indietro sia la società italiana sul tema dell’omofobia, redazioni dei giornali di opposizione inclusi. Ai miei lettori decidere se il pezzo in questione è da censurare o no. S.G.

***

Un partito che voglia dirsi “democratico” può permettersi di avere un presidente omofobo nel XXI secolo? In Europa occidentale la risposta è no. La riflessione vale anche per un partito che voglia dirsi “liberale” o “conservatore” e senta la necessità di tenere alta la distanza dalla Destra reazionaria o filonazista.

L’on. Rosy Bindi è malata di omofobia e dimostra questa sua patologia nel momento in cui dice frasi agghiaccianti tipo quella che l’ha resa celebre in Canada e nel resto d’Occidente: «Il desiderio di maternità e di paternità un omosessuale se lo deve scordare. […] Non sarei mai favorevole al riconoscimento del matrimonio fra omosessuali: non si possono creare in laboratorio dei disadattati. È meglio che un bambino cresca in Africa.» (12 marzo 2007). Cinque anni dopo Bindi dimostra di non aver imparato nulla dai propri errori. Per rispondere all’ennesima barbarie omofobica proveniente dal segretario coi fili del Pdl, Angelino Alfano, l’ex ministro del governo Prodi ha dichiarato a Sky: «La famiglia fondata sul matrimonio ha la priorità, lo dice la Costituzione. Ma il Pd non ignorerà i diritti di tutti. Il matrimonio però è solo eterosessuale, è un punto molto fermo». (11 marzo 2012)

Sulla vistosa contraddizione giuridica della sentenza n.138 2010 (15 aprile) della Corte Costituzionale che ha di fatto subordinato la Costituzione al Codice Civile, si è di recente espresso il giurista Persio Tincani in un ottimo intervento su Micromega e a quello rimando quando la poco onorevole Bindi tira in ballo la Costituzione. Ricordo solo che il Codice Civile italiano è stato scritto in epoca fascista e che proprio in tema di matrimoni alcuni suoi articoli sono dovuti essere abrogati (la cosiddetta “defascistizzazione” del Codice) perché apertamente razzisti, come il 91, che difendeva la purezza della razza italica dai matrimoni “misti”.

Ma il problema qui è nella patologia espressa dalla signora Bindi. Parlo proprio di “patologia” perché intendo il termine “omofobia” secondo l’affermata definizione usata da Martin Kantor: una manifestazione di sessuofobia dovuta al fatto che i genitali sono anatomicamente vicini agli organi escretivi, motivo per cui gli omofobi provano schifo o disgusto verso ogni atto sessuale, specialmente orale e anale (1998, 13-6). In questo senso, l’omofobo può odiare qualunque atto sessuale, sia esso eterosessuale o omosessuale. Gli omofobi, secondo Kantor, soffrono di un disturbo emotivo, sono individui in perenne conflitto fra i loro desideri segreti che guidano le loro paure manifeste.

Pochi omofobi e pochi sessuofobi ammettono di essere omofobi o sessuofobi e su questo Rosy Bindi non fa eccezione. Alcuni fra loro citano a sproposito le Sacre Scritture (vedere il capitolo “Dio odia i finocchi” del saggio Gay: diritti e pregiudizi per approfondire il tema) come motivo della propria omofobia, altri citano (sempre a sproposito, vedere in particolare gli artt. 3 e 29) la Costituzione italiana. La realtà è, sostiene Kantor, che citano la Bibbia perché sono omofobi, e allo stesso modo, aggiungo io, citano la Costituzione perché sono omofobi.

La società italiana, culturalmente, è una delle più omofobe dell’Occidente e i motivi di questo fatto non sono in realtà chiarissimi. Diversi studiosi indicano l’influenza che il cattolicesimo ha avuto per millenni sulla penisola come una delle maggiori cause di questa anomalia italiana. Il sociologo Marzio Barbagli ha dedicato vari studi a questa peculiarità della società italiana e l’ha collegata alla mancata parità fra uomo e donna che persiste in Italia più che nel resto d’Occidente sotto tutti i punti di vista, dall’economico al culturale. In un’intervista a Repubblica ha affermato: “Siamo ancora una società fortemente eteronormativa (la pretesa della cultura eterosessuale di interpretare se stessa come esprimente tutta la società, inclusa quella parte che eterosessuale non è, nda) che tollera di più ma non accetta ancora, e questa contraddizione è lo scoglio da superare, forse più dell’intolleranza manifesta.

Che la società italiana sia arretrata sul tema dei diritti civili rispetto all’Occidente è un fatto indiscutibile. Chi però riveste ruoli di rilievo nell’agone politico non può permettersi di essere a sua volta vittima di situazioni di ignoranza, di patologia o di semplice discriminazione. Basterebbe sostituire il termine “ebreo” al termine “omosessuale” dalla frase di Bindi del 2007 per rendere chiaro che chi incita alla discriminazione e al mantenere lo statu quo d’ineguaglianza contro le persone GLBT non ha spazio nelle società moderne occidentali, men che meno all’interno di un partito che si richiama a principi di solidarietà e di uguaglianza sostanziale.  Onorevole Bindi, glielo chiedo come cittadino italiano prima ancora che come intellettuale: sul tema del diritto al matrimonio per tutti, si aggiorni o si dimetta dalla politica italiana.

Advertisements

17 pensieri su “L’omofobia di Rosy Bindi

  1. Sono d’accordo. Questi politici omofobi dovrebbero anche piantarla di dire che i loro gretti pregiudizi sono condivisi dalla maggioranza degli italiani. Non credo proprio.

  2. I cattolici hanno tutta la verità dalla loro, lo dice naziRatzi. Anche quelli che non seguono il Nano pelato con i tacchi, il parrucchino e il set per il bunga-bunga.

  3. Caro Sciltian, pur se avrei usato parole diverse il tuo discorso non fa una piega.

    Nel pezzo (http://www.imille.org/2012/03/il-problema-dei-gay-italiani-e-rosy-bindi/) che ho scritto per i IMille però, mi chiedevo se basterebbe “scansare” Rosy Bindi per avere il matrimonio.

    Io credo che l’intera classe politica oggi in parlamento sia inetta a portare a casa un risultato. Per età, per retaggio culturale….e la domanda è: cosa stiamo facendo affinché nel 2013 ilparlamento sia totalmente diverso?

  4. luce

    Grazie a Dio c’è la Cassazione..
    Censura? Beh, tanto alla fine i giornalisti mi sa che sono tutti uguali, anche quelli che fanno i coraggiosi; il fatto è che si ha paura della verità in qualunque forma e non si ha più il coraggio delle idee.
    Cordialmente

  5. Io, ho sempre pensato che Rosy Bindi fosse più omosessuale che omofoba; al di là delle robe che dice e dichiara, resta molto più virile lei di tanti miei amici.

  6. sidnapoorsocapo

    BINDI è e rimane una politica legata alla chiesa, e per forza non può altro che dire certe cose, e fino a lì posso accettarlo, non accetto tutte le persone civili e responsabili che devo avere le lore idee e hanno l’orrore di esporle.

  7. Che vigliacchi cacasotto che sono! Avrebbero dovuto pubblicarlo, invece, e rischiare la querela. Se un giornale non rischia una querela pur di dare spazio a una libera opinione – per di più argomentata e non basata su delle invenzioni (mica scrivi che Bindi svaligia le banche di notte, no?) -, non so chi dovrebbe farlo. Come dire: “Noi pubblichiamo di tutto, però non vogliamo smenarci”. Troppo comodo.

  8. liuk

    la cosa vergognosa, come sottolinea lo stesso sciltian, è come la falsità che il matrimonio omosessuale sia vietato dalla costituzione in quanto parla espressamente di legame tra uomo e donna sia diventato un luogo comune, citato a sproposito a destra e manca, derivandone la falsa conclusione della difficoltà di una modifica costituzionale a larghissima maggioranza.

  9. Tiziano

    Ho letto (in ritardo). Non sono un avvocato ma mi pare che la redazione de IlFQ abbia ragione. Gli attacchi personali devono essere documentati e non credo esista un certificato medico che dichiara la Bindi affetta da “omofobia kantoriana. Di notevole c’e’ il fatto che: non ponendo al centro dell’articolo le presunte paturnie della Bindi (da trattare con verbo al condizionale e soprattutto ironia), il testo probabilmente acquista anche piu’ forza… Poi a me piace un’altro Kantor.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...