La vittoria di Vecchioni a Sanremo doveva pur voler dire qualcosa

Standard

Beh insomma, diciamocelo chiaro: speravamo di andare al ballottaggio a Milano, di vincere al primo turno Torino e Bologna, di finire al ballottaggio con De Magistris a Napoli e con Zaddai a Cagliari. E’ successo tutto quello che speravamo, ma nessuno, e dico nessuno, poteva pensare che Pisapia a Milano, il candidato di SeL che aveva vinto le primarie anche contro il PD, potesse arrivare a vincere quasi al primo turno, col 48% dei voti e la Moratti al 41%.

Sì, la vittoria di Vecchioni a Sanremo doveva pur voler dire qualcosa.

La fine del puttan-berlusconismo, e il fatto che se ti fai rappresentare da una neo-nazista odiosa, rifatta e stronza con una scopa su per il culo, sarà difficile che tu vada lontano nell’elettorato moderato.

Annunci

10 pensieri su “La vittoria di Vecchioni a Sanremo doveva pur voler dire qualcosa

  1. Costanza

    Però! ci sei andato giù pesante, eh?
    😉
    speriamo che tra due settimane venga davvero sancita la fine del puttan-berlusconismo!

  2. paolo

    La vendetta delle persone per bene!!!
    Qualcosa sta cambiando, è sicuro, speriamo solo che non passi troppo tempo…

  3. Livia

    Definire neonazista Letizia Moratti (che, en passant, è di famiglia partigiana, mentre bisogna vedere che cosa faceva la tua famiglia romana chic mentre a Milano c’era l’occupazione nazista) è un viatico per un lungo confronto in tribunale.

  4. Livia, infatti io non ho definito mestizia moratti “neonazista”, come è facile capire anche dalla foto che correda il post, che spiega per i più duri di comprendonio ciò che è invece chiaro agli altri. Solo una persona con grandi problematiche a livello di corteccia cerebrale potrebbe confondere i volti delle due “signore”.

    Quanto alla mia famiglia, è di solide origini proletarie. Siamo diventati borghesi col sudore della nostra fronte e con le capacità delle nostre arti, non abbiamo ereditato fortune da nessuno. Quello che si è trovato dalla mattina alla sera 20 miliardi di lire di inizio anni ’70 nel conto in banca, mentre prima cantava sulle navi da crociera, si chiama Silvio Berlusconi. Il denaro gli arrivò dal padre, che dirigeva la filiale di Palermo della Banca Rasini, banca poi chiusa dallo Stato italiano in seguito al processo di Palermo in cui si appurò che serviva per lavare il denaro sporco degli investimenti di mafia sul mattone in Sicilia e sui commerci di droga e armi con il resto del mondo. Son differenze.

  5. ex-Vertigo

    … senza contare che se la Moratti – en passant, di famiglia partigiana – per biechi interessi è finita a fare comunella con una neo-nazista come la Santanchè (il post si riferiva CHIARAMENTE a lei), ecco trovato l’ennesimo motivo per non votarla.

  6. Lettore

    Era una ruffianata senza un senso logico, non si capisce di che cosa si parla, è un accrocco di espressioni e parole buttate lì alla rinfusa. Solo qualche espressione-slogan che fa tanto colpo. Certo che la vittoria di Vecchioni vuole dire qualcosa: che molti non distinguono qualcosa che ha una trama, un senso ed una logica (anche poetica, la poesia e la musica queste cose ce l’hanno) da qualcosa che non ha trama, senso e logica. Vuol dire che siamo alla frutta.
    Premetto che io non voterei per nessuno (non ci credo più) e ricordo che Alemanno vinse al ballottaggio partendo da uno svantaggio doppio di quello della Moratti.

  7. Lettore, guarda che la Moratti potrebbe anche vincere al ballottaggio, ma il risultato del primo turno c’è già stato e ha un significato: che la capitale del PDL e della Lega, Milano, non è più un fortino assolutamente imprendibile per il centrosinistra, che perfino i milanesi ne hanno le palle piene di questi omuncoli e queste donnicciole tutti accomunati dall’essere degli yesman del miliardario loro padrone.

    Non credo che Mestizia Moratti abbia avuto alcun ruolo nella guerra civile partigiana; tutt’al più lo avranno avuto i suoi genitori, i suoi fratelli maggiori se ne ha. Il fatto che loro abbiano compiuto azioni civili ed eroiche non discende anche su di lei, che nell’età della maturità si è alleata con una neo-nazista come la Santanché, un neo-fascista come Storace. I parenti partigiani della Moratti credo si stiano rivoltando nella tomba.

  8. Michele

    che ne dici di questo articolo ?

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...