Postille al Nome della Rosa, una recensione

Standard

Poche pagine e molto chiare. IN particolare ho apprezzato la condanna dell’etichetta “postmodernismo“, che Eco dequalifica come “un termine buono à tout faire“. Sul punto, Eco dice una cosa molto condivisibile: “Credo che il post-moderno non sia una tendenza circoscrivibile cronologicamente, ma una categoria spirituale, o meglio un Kunstwollen, un modo di operare. Potremmo dire che ogni epoca avrebbe il proprio manierismo (tanto che mi chiedo se post-moderno non sia il nome moderno del Manierismo come categoria metastorica).” (38).

Ma se è un Kunstwollen, lo possiamo ben chiamare neobarocco, no?

Al di là di questa riflessione, le Postille son utili e godibili non solo per capire meglio Il nome della rosa, ma proprio come testo generalista e divulgativo di narratologia e critica letteraria.

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...