La morte lenta in diretta – On Air Slow Impact

Standard

残念

Impossibile non piangere davanti alle scene venute per tutta la giornata dell’11 marzo 2011 (l’11, un numero che porta male, da oggi) dal Giappone. Il paese più tecnologicamente avanzato, il più ricco di videocamere personali, il più connesso alla rete che viene colpito dalla catastrofe naturale più immane che la memoria umana possa ricordare. Da italiano che vive in Canada, in una città con più di un milione di asiatici (ma pochi giapponesi) non ho potuto non pensare ai tantissimi giapponesi sparsi per il mondo, in altri Paesi, che sono stati costretti ad assistere impotenti al lento ma inesorabile annientamento di ampie regioni del loro Paese. Perché se già il terremoto ha avuto una durata anomala, amplificata dalle migliaia di riprese prontamente riversate in rete da tutto il Giappone, il maremoto seguente ha avuto dei tempi feroci. 45 minuti sono trascorsi dalla fine del terremoto all’impatto della prima onda di tsunami. 45 minuti nei quali chi ha avuto la fortuna di essere sopravvissuto al terremoto ed è riuscito a mettersi in contatto con una qualche fonte d’informazione ha capito che doveva evacuare al più presto le zone sul livello del mare per mettersi in salvo. Ma chi invece era bloccato dai crolli del terremoto, chi non ha potuto più sapere cosa stava per succedere, è rimasto lì, a farsi prendere alla sprovvista – o peggio: ad attendere, sapendo di morire – l’onda del maremoto. Magari andando proprio sulla battigia, come in quel film americano, Deep Impact, sapendo che da un maremoto, se sei a piedi, non puoi scappare.

La distruzione del Giappone, il conseguente allarme nucleare, è la campagna contro il nucleare più efficace che mai si potesse avere. E’ la dimostrazione che le centrali nucleari, anche quelle giapponesi di ultimissima generazione e pensate per resistere a un terremoto di 9 gradi della scala Richter, non sono sicure. Alle migliaia di morti per il terremoto e il maremoto, il Giappone dovrà aggiungere i morti per le radiazioni. E con ogni probabilità, non solo il Giappone, ma anche le nazioni vicine. Se davvero i nuclei di tre centrali si sono fusi, come si legge in queste ore, le conseguenze saranno come quelle di Cernobyl.

Mi domando cosa sarebbe successo se nel 1945 gli Americani avessero potuto vedere gli effetti del bombardamento nucleare di Hiroshima e Nagasaki. E mi domando cosa pensano i credenti davanti a un atto di natura così immensamente devastante. Perché tutto sommato per chi non è credente è più semplice recuperare: il disastro è stato frutto di una serie di casualità, di coincidenze. Ma per chi crede che tutto si muova per volontà di un Dio, oggi deve essere stata una giornata davvero dura da spiegarsi.

Altre onde anomale, sebbene molto meno dirompenti di quelle che hanno devastato il Giappone, si sono avute in molte nazioni che si affacciano sull’Oceano Pacifico. E’ buffo come, d’improvviso, il più grande oceano del pianeta Terra sia diventato, nella nostra percezione, una specie di pozzanghera dalla quale i quattro continenti che ci si affacciano devono temere problemi.

Internet ha davvero rimpicciolito questo pianeta. Il senso di empatia che tutte le persone appena un po’ sensibili hanno provato oggi verso una nazione probabilmente mai visitata, di cui sappiamo quasi nulla, è, io credo, la ricchezza più preziosa sotto il punto di vista umano che questa immensa tragedia ha portato. Viviamo su un puntolino blu e bianco, dove ogni tanto il blu s’incazza e sommerge tutto. Sarà bene ricordarselo, quando ci sentiremo sopraffatti dai nostri stress quotidiani.

Annunci

8 pensieri su “La morte lenta in diretta – On Air Slow Impact

  1. già, ed è incredibile come mi abbiano risposto via internet due amici che stanno a Kanazawa (nell’ovest, lontano dal sisma di ieri e al riparo dal maremoto ma non lontano da Nigata dove c’è stata una scossa questa mattina) e Chiba (praticamente a Tokyo, la scossa ha danneggiato pesantemente il laboratorio).

    Ovviamente sull’11 scherzi, credere alla numerologia non è tanto diverso che credere agli dei binettiani 😉

  2. Oltretutto, i dati sulla centrale di Fukushima io li leggo solo da stamattina. Ieri non si sapevano ancora. In ogni caso, Repubblica dice:

    “La centrale elettronucleare giapponese Fukushima-1, oggetto di preoccupazioni per i danni subiti in seguito al disastroso terremoto dell’11 marzo, è uno dei 25 maggiori impianti nucleari del modo, costruito su progetto di General electric, ed è considerato una delle strutture del genere fra le più sicure esistenti. È un impianto giunto ormai al termine della vita operativa, essendo ormai in funzione da quarant’anni: costruito alla fine degli anni sessanta, entrò in esercizio nel 1971, e doveva essere decommissionato questo stesso anno.”

  3. Altra notizia trovata oggi (mentre io il post l’ho scritto ieri notte):

    “Malgrado il pronto intervento sulla centrale nucleare giapponese di Fukushima, con la fuoriscita controllata di vapore per evitare nuove esplosioni, il rischio rimane, e se ulteriori esplosioni toccassero la parte interna del reattore, quella col nocciolo, “il rischio sarebbe quello di una nuova Chernobyl, un disastro epocale”. Lo ha detto il fisico Valerio Rossi Albertini, esperto di nucleare del Cnr.”

  4. bernardo

    Molto giusto!
    Peccato che appena passa l’emozione per le immani tragedie ALTRUI, gli stress quotidiani riprendano il sopravvento e spengano tutto quanto.
    La luce, che per un attimo ha illuminato di realtà le anime, cede al consueto buio egoistico.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...