E’ nato Thomas

Standard

Oggi ho avuto la notizia che aspettavo da un po’. Thomas, il figlio di due miei cari amici (gay), è nato e sta bene, così come la sua mamma. Il tutto, in quel di Lombardia, alla faccia di Formigoni. A quanto pare c’è un nesso tra i nomi che finiscono con “s” e i figli di coppie gay. Thomas è infatti il terzo, dopo Nicholas e Paros, tra le coppie italiane che conosco io. Anche l’Italia cambia, nei fatti prima ancora che nelle sue leggi. Auguri a tutti e tre i pupi e a tutte le coppie dello stesso sesso che li hanno avuti!

Per chi voglia approfondire il tema, consiglio il documentario Il lupo in calzoncini corti, ora disponibile in DVD.

Annunci

29 pensieri su “E’ nato Thomas

  1. Carlo

    Sono ateo di sinistra rompo i coglioni ai miei amici per spiegargli quanto è fica l’energia solare e l’eolico, riciclo la carta e dico operatore ecologico invece di spazzino pero’ non posse fare a meno di pensare che due uomini che prendono in affitto l’utero di una donna per farle partorire un figlio, che poi allevano sia qualcosa di semplicemente mostruoso

  2. Carlo, pazienza, son problemi tuoi. Poi nel caso dei due miei amici non è nemmeno andata così. Hanno inseminato l’utero di una loro amica lesbica e il bambino avrà 4 genitori, due donne e due uomini. Meglio di così, si muore.

  3. Dimenticavo, Carlo: non è dicendo “operatore ecologico” al posto del più franco e comprensibili “spazzino” che si dimostra di essere al passo coi tempi o addirittura progressisti. E’ col capire, con l’introiettare i bisogni altrui, e col difendere i diritti degli altri, anche quando non sono i tuoi.

  4. queste sono parole sante! pur nel rispetto delle opinioni altrui, “mostruoso” è un termine che dedicherei ad altre cose.
    tanti auguri e felicità ai tuoi amici!

  5. Michele

    Personalme se era possibile sarei stato per l’adozione: se una delle due coppie si dovessero separare l’affidamento andrebbe ai genitori biologici, e gli altri ? Che conmunque anno cresciuto il bambino con lo stesso amore ?
    si ritroverebbero con un pugno di mosche.
    Lo so sono solo congetture spero che le 2 coppie non si separino mai e che il bambino possa crescere con tutto l’amore che i 4 genitori gli daranno.

  6. Fr@nco

    Io ammiro moltissimo i tuoi amici gay che, nonostante i milioni di “carlo” attorno, riescono con profonda responsabilita’ a costruire un altro progetto di amore sopra un primo progetto di amore come coppia, gia’ piuttosto complicato in questo cavolo di paese.

  7. Ben detto, Franco. Che poi a quei milioni di “Carlo” non capisco proprio cosa cambi. Li costringono forse ad affittare il proprio utero (o della propria compagna?) No. Ci saranno problemi per il bambino? Certo, come per tutti i bambini che chiunque decide di mettere al mondo. Per questo è meglio non fare figli? Secondo me è invece il caso di farli, se hai un sentimento di paternità. Vanno fatti o adottati anche quando sei un genitore single, altro che.

  8. Carlo

    guarda cosi è già diverso la madre è perfettamente consenziente e autonoma congratulazioni

    quello che mi fa orrore veramente orrore è l’idea della coppia di buana bianchi che si affitta un utero per nove mesi. E’ la versione due punto zero di Madonna che va in Malawi e si compra due bambini perché… beh perché è fico.

    Tu dici i diritti e vogliamo parlare del diritto di non svendere la propria dignità il proprio corpo ?
    La tua amica è un caso particolare, credi che le madri in affitto lo facciano per la causa ? Perché si divertono ? Lo fanno perché hanno bisogno di denaro. Vendono il proprio corpo per denaro. Nel caso che l’acquirente, perché di questo stiamo parlando siano una coppia gay vende anche il proprio DNA, VENDE SUO FIGLIO CAZZO !
    VENDE SUO FIGLIO PER SOLDI! Lo porterà per nove mesi nel grembo e poi lo darà via, come un cucciolo di cane.

    Non è il caso dei tuoi amici siamo d’accordo; ma sdilinquirsi il diritto del più ricco di comprarsi il corpo e il figlio di una donna mi sembra veramente troppo

  9. Carlo, mai parlare di cose che non si conoscono a fondo. La gravidanza con utero surrogato funziona diversamente da come tu credi. Anzitutto, la madre che presta l’utero non presta anche l’ovulo, quindi il suo DNA non c’entra un tubo, lei fa solo da incubatrice. Gli ovuli si comprano come si compra lo sperma alle banche del seme. A meno che a te non faccia orrore anche la donazione di sperma, non vedo il problema, anche perché qui si parla di tecniche scientifiche per aggirare il problema della sterilità o per consentire a una coppia dello stesso sesso di allevare figli. Figli che si possono anche adottare, certo, ma adottare non è sempre un’opzione disponibile per tutti, anche perché il più delle volte gli istituti che dispongono le adozioni sono a carattere religioso e non darebbero mai un figlio adottivo a una coppia di gay o di lesbiche per un banale pregiudizio e per una chiara disciminazione. Non li danno nemmeno ai single, tanto per dire.

    Inoltre, l’affitto dell’utero in Canada è calmierato dalle leggi canadesi e non può essere superiore a una certa cifra, proprio per evitare che le donne lo facciano soprattutto per soldi. Per affittare l’utero si deve passare un’intervista presso il centro medico, se dici di farlo solo per soldi non ti includono nel programma. Le donne che prestano l’utero lo fanno per consentire a chi non può avere figli di averli, è una cosa secondo me positiva.

  10. Carlo

    ci sono cliniche in India dove ti puoi comprare utero e mamma tutto incluso. Vecchio articolo letto chissà dove su questa coppia di omosessuali israeliani che si era comprato un bambino in india.

    L’articolista ne parlava come una grande conquista dell’umanità. A me sembrava che in retrospettiva allora anche la tratta degli schiavi e lo jus primae noctis fossero grandi momenti di civiltà, boh saro’ sorpassato

    Lasciamo stare la donazione degli ovuli confesso senza problemi la mia ignoranza.

    Tuttavia io e te siamo uomini, io vorrei sapere cosa ne pensa una donna, ma sai benissimo che portare un bambino nell’utero non è esattamente come portarlo in giro in passeggino. C’è una cosa che ti cresce dentro.

    Tu mi disegni questo mondo di volontarie pasionarie che lo fanno per passione e mica per i soldi, perché le pagano allora ? Sai dirmi quanto le pagano ?

    Poi scusa ma se mi dici”Per affittare l’utero si deve passare un’intervista presso il centro medico, se dici di farlo solo per soldi non ti includono nel programma.”

    mi scappa da ridere.

    E il programma canadese per la lotta contro la mafia com’è ? Chiedono agli uomini col collo taurino d’origine italiana se sono trafficanti di droga e quelli che rispondono di no li lasciano andare ?

    Poi il centro medico si farà pagare dalla coppia, me l’immagino l’intervista a detto centro fatta da una dipendente del centro : quindi lei donna sana, in buon stato fisico etc è qui per nobile spirito umanistico o per bieco mercimonio ? Ammicco, Ammicco….

    Se la madre è volontaria ok se si vende beh è una persona che vende il proprio corpo. Non vorrei essere retro ma io questa la chiamo lotta di classe. Il più ricco si piglia una cosa del più povero per quattro spicci. Questa cosa è il suo corpo… cioè il Bunga Bunga di Berlusconi ne esce riabilitato alla fine

  11. In Canada la Commercial Surrogacy è stata legale fino al 2004. Questo è un paese civile, caro Carlo, nel quale anche quando esisteva la possibilità di affittare l’utero, la legge imponeva un tetto basso per evitare che divenisse un modo di sbarcare il lunario per le donne meno abbienti. La clinica della fertilità chiedeva le ragioni del gesto alla mamma incubatrice e faceva i suoi bravi accertamenti sullo stato psicologico e finanziario della donna che si proponeva di fare quel passo. Poi dal 2004 hanno deciso di consentire solo alla cosiddetta “altruistic surrogacy”, che si fa rimborsando solo le spese mediche alla mamma. Lo so che a un italiano fa ridere la possibilità che si creda alla parola di un cittadino, ma qui funziona tutto così, di base.

    Le cifre a cui ti riferisci tu sono quelle delle cliniche private che offrono tutto il servizio a latere di assistenza medica. Poi guarda, che ti devo dire: a te sembra una cosa “mostruosa” che due uomini possano diventare padri attraverso la maternità surrogata, a me sembra una cosa altruistica e bellissima. Per cui in quanto a dialogo stiamo a zero. Solo, fammi una cortesia, non venirmi a dire che sei progressista, perché sul tema hai le stesse posizioni di Giovanardi. Io, no.

  12. pixidust

    Non che il fatto che sia legale necessariamente significhi che sia accettabile moralmente, ma anche in america e’ legale “affittare l’utero”. Pensa un po’ che l’aveva proposto anche a me il medico quando sembrava che non potessi avere figli…. io ho rifiutato, ma questa e’ un’altra storia…

  13. Fr@nco

    Benvenuto al mondo Thomas!

    Per fortuna sei nato in una famiglia che sembra essere stracolma di amore, e poi ti hanno davvero cercato, voluto, pensato, non e’ stata una ‘roba’ tanto perche’ lo fan tutti. Purtroppo scoprirai subito che nel mondo degli adulti spesso contano di piu’ le apparenze, i contenitori piuttosto che il contenuto, cosi’ ti sentirai dir spesso che la tua non e’ nemmeno una famiglia, che non siete “normali”, meglio per te, perche’ i tuoi geneitori sapranno darti tutto l’amore e gli strumenti per crescere piu’ forte di tanti altri e anche piu’ aperto al mondo.

    la vita e’ bellissima, vedrai che bel viaggio ti aspetta.

  14. Pixi, ma sì, anche per donare sperma ti pagano, credo 500 dollari. Si vede che conta di meno 😉 Il punto è che gli ovuli li puoi donare in tutto tre volte, secondo il codice etico di molte cliniche, e tutte le cliniche sono in rete quindi sanno se li hai donati prima in altre strutture.

    Il punto è che si deve uscire dalla mentalità conservatrice per la quale donare (ovuli, sperma, sangue) è un’offesa a Dio e al corpo, e non un atto di altruismo per chi quegli ovuli o quello sperma o quel sangue non lo ha.

  15. Carlo

    e delle donne indiane che mi dici ? segui il link te lo rimetto

    Io non ho obiezione contro la fecondazione eterologa ne’ contro l’adozione omosessuale (quindi se permetti non sono giovanardi)ne contro le surrogate mothers se sono volontarie (evito apposta il termine italiano madri in affitto)

    se avviene per denaro è sfruttamento

    http://unsimulation0809.wordpress.com/agenda-nr-2-urban-poverty/urban-poverty-and-human-trafficking/poverty-in-india-pushes-women-to-rent-out-their-uterus/

    se a te sembra una cosa bellissima forse è perché appartieni ad una classe di privilegiati

  16. Io sono dell’idea che le surrogate mothers debbano esistere. Se volontarie meglio, se pagate poco ed entro schemi rigidi (non più di x gravidanze surrogate per donna) bene uguale. I link che metti si riferiscono agli USA e non al Canada e in ogni caso non sono molto affidabili essendo delle yahoo answers.

  17. h

    Faccio anche io gli auguri ai tuoi cari amici, che possono scegliere il problema da affrontare nella vita e non quale muro in caduta evitare.

  18. @ Carlo:
    hai mai parlato con una donna che ha scelto di portare aventi una gravidanza per altri? indubbiamente ci sono situazioni e situazioni, ma ti assicuro (per conoscenza DIRETTA) che nei Paesi civili (es. Canada, ma anche California, ad esempio) non è sfruttamento del corpo della donna, non è sfruttamento di persone in stato di bisogno. Spesso la scelta delle portatrici è proprio dovuta al desiderio di aiutare coppie infertili (a volte, in particolare, coppie di gay). Ti consiglio la visione del film consigliato da Anelli (che ringrazio a nome di tutte le Famiglie Arcobaleno)

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...