Lory del Santo poetessa per Silvio, nell’Italia del 2010

Standard

Ciascuno di noi ha il suo modo per ricaricare le batterie. Io, leggo il blog di Larvotto. Dove puoi trovare, molto spesso, delle chicche vere e proprie, come la seguente.

Lory del Santo, ve la ricordate? la smandrappa degli anni Ottanta che faceva concorrenza a Tinì Cansino nelle pagine centrali di Blitz (le foto qui di fianco sono appunto tratte da un numero dell’epoca) e di Gin Fizz. Quella che andò anche al Drive In, a far la finta cassiera e a mostrare all’Italia dell’epoca le sue ghiandole mammarie finemente strizzate e congiunte sotto la trachea da un agile corpetto blu bianco e rosso con le stelline pralinate sopra. Ecco, sì, lei: Lory del Santo ha scritto una poesia. E già basterebbe questo per farci su un post. No, Larvotto fa di meglio: ci fornisce il destinatario, il presidente del Consiglio ad interim, Silvio Berlusconi, e anche la mirabile composizione:

Tu che pensi, che immagini,
tu che trasformi la realta’ in sogno esprimi il desiderio di esserci,
di resistere.
Tu che hai voglia di dare,
vedi un universo senza argini e confini,
un mondo che crede nel progresso.
Tu che ami,
tu che, semplicemente, sei

Larvotto esprime anche il suo apprezzamento di questi nobili versi, che terminano con quel verso incompleto, che dà quel senso di vuoto, di indeterminato. E poi commenta con una citazione d’autore. E noi qui, siamo davvero tutti con lui:

Annunci

4 pensieri su “Lory del Santo poetessa per Silvio, nell’Italia del 2010

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...