L’Italia para guay

Standard

Faccio ammenda: pensavo peggio di questa seconda nazionale di Lippi, e invece la cosa che mi ha stupito di questa squadra tutta di gregari è stata la forte grinta, la voglia di vincere la partita sia sullo 0-0 che sullo 0-1 che poi sull’1-1. Il Paraguay fondamentalmente non s’è visto, a parte per l’ottima capacità di mettere nel sacco con un colpo di culo più che di testa l’unica azione fatta contro la porta di Buffon. Il nostro Numero 1 è stato poi sostituito per il dispiacere o un’influenza, secondo me, più che per un mal di schiena. Otto gradi centigradi, piove governo di Roma ladro, ma anche in Sud Africa gli Azzurri ci sono, onore al merito del sor Lippi, che è tanto antipatico quanto bravo a costruire squadre senza stelle, per brillare lui solo. Si potrebbe dire che un Cassano a centrocampo avrebbe dato alla nazionale quell’estro di fantasia in più, ma ormai questi sono gli uomini e con questi si balla.

Nota di colore: l’arbitro non ha azzeccato una sola rimessa dal campo. Sostanzialmente ha assegnato sempre alla squadra sbagliata la rimessa con le mani. Che gli sia oscura la regola? Fra sei-sette giorni tocca vincere contro la Nuova Zelanda e mentre scrivo penso: Australia e Nuova Zelanda nella fase finale di un mondiale? Significa che l’Asia a questo giro ha pagato grosso pegno all’Oceania. E allora torna anche alla mente che abbiamo tutto sommato uno degli obbiettivi di Risiko! più semplici: conquistare Africa, Oceania più un terzo continente a scelta. WeltDeutschland e Brasil permettendo, parrebbe che si possa fare. Adelante, Pedro, con juicio, che se poi succede il massimo, chi lo regge più a lui?

Annunci

5 pensieri su “L’Italia para guay

  1. è che ormai l’Australia partecipa al girone di qualificazione dell’Asia, mentre la Nuova Zelanda ha vinto lo spareggio Oceania – Asia con il Bahrein…

  2. Fab

    Manca l’uomo del passaggio illuminante, decisivo..e manca pure un centravanti “fisico” capace di fare a sportellate quando il nano gilard-ino non la struscia (come ieri sera).
    Hai detto bene: senza stelle vorrebbe brillare lui solo..però almeno sulle gambe ci reggiamo, Capitan Futuro è ormai l’oggi e non solo il domani, Criscito una bella sorpresa, e Chiellini sembra reggere dietro la baracca.
    Pepe tutto sommato corre, ma Marchisio è imbarazzante e Montolivo sembra un’eterna promessa (de diventà forte..).
    Daje!

  3. Leon de Rem

    D’accordo che questo Paraguay ha battuto l’Argentina durante le qualificazioni, però è vero anche che non ha brillato per nulla ieri sera, questo Paraguay. A dire che l’Italia ha fatto-a maggior ragione- pena, sempre che per vincere (auto-gol e rigori a prescindere) sia ancora condizione necessaria tirare in porta.

    Infortunatosi Pirlo, Lippi doveva sostituirlo per tempo prima del 13, e rimediare ad una selezione non proprio di stelle.

    Perchè ricordiamoci che tra le prime due squadre in campionato (Inter e Roma) c’è un solo convocato: De Rossi.

    Il quale pur avendo imparato a giocare con Totti, ed essere in Italia forse l’unico a saperlo imitare (a centrocampo solamente però!) con guizzi di fantasia improvvisi che ricordano i fulmini a ciel sereno del Pupo de oro, bhe non è Totti. Come non è neanche Cassano.
    Per non parlare di Balotelli così prematuramente escluso.

    Tant’è che De Rossi, che a lucidità invece non ha rivali in seria A, non se l’è fatto sfuggire di mente: neanche il Brasile ha uno come Totti

  4. Opinione personale, penso condivisa da molti però: un giocatore per indossare la casacca della nazionale deve non solo essere stellarmente bravo (e qui Totti c’è) ma anche sapersi controllare bene, per lo meno in campo, se non anche fuori. E qui Totti, col calcione a Balotelli dato apposta, s’è giustamente giocato ogni possibilità di essere Azzurro. Devo dire che per un paradosso della storia, anche Balotelli s’è giocato la stessa cosa per lo stesso difetto di carattere. Ma per lo meno Balotelli non è ancora andato in giro per il campo a dare pedate nelle gambe degli avversari in risposta a un insulto.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...