Di Pietro ineccepibile: è chiamata alle armi

Standard

Copio incollo dal sito de L’Unità l’intervista di Jolanda Bufalini a Di Pietro.

Me li immagino Gasparri e Co. a sfottere e prendere in giro, se avessi sbagliato io o il Pd. Invece è capitato a loro, allora si fa una legge. Ma con questi non si può fare i buonisti, se gli dai un dito si prendono tutto il braccio.

C’è una accelerazione nel gran pasticcio elettorale
È così che fanno i golpisti.

Golpisti?
Hanno chiamato la milizia a palazzo Grazioli e deciso di rendere lecito quello che fino a ieri era illegale. Ma di fronte a un golpe bisogna chiamare alla resistenza e noi ci stiamo attrezzando nelle piazze e nel paese.

Gli elettori del centrodestra si ritrovano senza candidati.
Ho grande rispetto degli elettori e mi auguro che siano messi nelle condizioni di votare. Ma l’unico modo possibile è quello del ricorso alle autorità giurisdizionali. Del resto, il ricorso lo hanno fatto, quindi ritengono di avere ragione. È contraddittorio cambiare la legge.

La soluzione quindi?
Attendere serenamente la sentenza del Tar. Io sono convinto che lo spazio tecnico e giuridico vi sia. Non per il Pdl della Provincia di Roma, perché in quel caso la lista non c’è e, quindi, non ci sono nemmeno le condizioni per il ricorso. Ma nelle altre situazioni vi sono i margini per valutare se si tratti di fatti sostanziali o formali che possono essere subordinati al prevalente interesse degli elettori. È questa la via maestra.

E ritiene sia ormai esclusa?
Esclusa dalla convocazione del Consiglio dei ministri alle dieci di sera. Mi auguro che ci sia una resipiscenza prima che si infiammi la società.

La Polverini è già in piazza.
Contro chi protestano? Contro se stessi? Contro la matematica? Loro hanno fatto la legge, loro l’hanno violata e, questa volta, è impossibile prendersela con i comunisti e con i giudici.

A parte Lazio e Lombardia, ci sono liste escluse nelle altre regioni
Non solo nelle regioni, Idv è stata esclusa nel comune di Sant’Anastasia. Qual’è la ragione per cui se mi chiamo Idv sono escluso e se mi chiamo Pdl si cambia la legge? Anche i radicali sono stati esclusi a Milano.

Lei ha detto che non le piace vincere la partita a tavolino.
E infatti sono arrabbiatissimo ma non è colpa mia se non ho un avversario con cui confrontarmi.

Pensa che si andrà a una riapertura dei termini?
Loro vanno a una soluzione di forza , come succede sempre quando si arriva alla fine di un regime. A questo qui (Berlusconi, ndr) non glie ne frega niente. Gli serviva il legittimo impedimento e se l’è fatto. Gli serviva un consiglio dei ministri e l’ha fatto, anche se aveva fissato lui stesso la data dell’udienza a Milano. A Lui e al gruppo di persone piduista e postfascista che lo circonda non glie ne frega nulla. È in pericolo la repubblica.

Allarme rosso?
Altroché, la mia è una chiamata alle armi.

Un pensiero su “Di Pietro ineccepibile: è chiamata alle armi

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...