Faccia da Marrazzo

Standard

Scusate, ma il ritiro in monastero, no. Sono indeciso tra considerarlo ‘na poraccia, oppure come l’antesignano del turismo GLBT camp. In fondo fra le trans e le monache ci vedo un sottile velo rosso. Voi che dite? Io penso che come ha saputo che le monache avevano i baffi, non ci ha capito più nulla.

Annunci

10 pensieri su “Faccia da Marrazzo

  1. tiresia

    sembra che il soggiorno sia saltato. Se non ricordo male anche il parlamentare udc beccato con prostitute e coca andò in monastero o giù di lì.

  2. usiccazzu

    se potessi…vorrei chiedere a Marrazzo ( a solo sentire il cognome tutto mi attizzo)se la d’addario che pure e’ una bella gnokka costa 1000€uri a nottata,gli altri 4000€uri che davi alla trans a cosa servivano,forse la pagavi per il servizietto che faceva a te?

  3. tiresia

    Mah! 🙂 Io presumevo fosse un altro di quei privilegi da politicanti, ossia, un cittadino normale la clinica per la disintossicazione dalla dipendenza da sesso se la deve pagare, qui magari in cambio del niet alle unioni legali, o alla legge contro l’omofobia o un bel finanziamento alla scuola privata la Chiesa mette a disposizione diciamo un percorso di purificazione. Che poi è una purificazione finalizzata ad una prossima rielezione.
    Dopotutto la Chiesa ha le spalle larghe, in costanza di matrimonio perdona di tutto.

  4. Anche se dopo l’errore commesso sul titolo de Il Vizietto so quasi non avrei piú diritto di parola….
    devo dire la mia su ‘sto Marrazzo.

    Ti devo confessare che a me fa un pó pena. Rovinato per un paio di trans e qualche riga di coca…

    Le dimissioni ci stanno tutte, peró…..

    Premesso che non conosco il suo operato, né come la pensa sulla famiglia, pacs, glbt ed omofobia. Se costui non fosse un famiglista, né un binettiano. Procedo punto per punto:

    1) Il ricatto. E` vero la cosa migliore sarebbe stata dimettersi subito, a minaccia subita. Scendere in sala stampa e spiatellarre tutto. Ma chi a parte un kamikaze radicale (di scuola panelliana) sarebbe capace di fare questo in Italia?

    Vista la dura ed ipocrita stigmatizazzione esercitata in Italia verso quei comportamenti sessuali non strettamente eterosessuali, capisco le sua difficoltá. Non giustifico il suo comportamento, ma lo capisco. Messo allo strette, impaurito per la propria carriera e sopratutto per la propria reputazione paga il riscatto.

    L’Italietta nostrana è quello che è. Guarda in Francia: giá non si parla piu´del ministro della cultura Mitterand (che in un libro aveva raccontato di aver avuto dei rapporti con dei minorenni a Bangok). Un polverone (eppure il libro era stato pubblicato 3 anni prima) e poi nessun dice nulla. Ha spiegato chnon era pedofilia (insomma non andava con i bambini, ma con ragazzi consenzienti, peró minori di etá). Ora non ne parlano piú.

    Se Marrazzo andava a mignotte sarebbe stato meno facile ricattarlo (che nel centro-dx non ci sono?). Qui paga il suo essere “diverso” in termine di gusti sessuali (che ha detto Veneziani ieri? Che preferisce un premier mignottaro ad un politico che va a trans. Ecco)

    La rivista. L’editore di “Chi”, casualmente, è un noto statista italiano (che caso!). Lo statista di Milanello si sta prendendo la sua rivincitá

    Sulla cocaina infine, a parte il fatto che le strisce perfettamente allineate del video (cosi dicono) puzzano un po’ di montatura. Beh la coca è sicuramente una brutta roba, pero’ io, da antiprobizionista, non vedo un crimine nell’uso di droga. Un’errore grave per te stesso sí, ma non un crimine penale no.

  5. Fil, le riflessioni serie su Marrazzo le ho già fatte in questo blog, prima che puntasse tutto sulla crisi mistica e la teoria del figliol prodigo. In generale, sono d’accordo con te, ma osservo che non è lo scandalo sessuale la cosa di cui ci interessa politicamente, in questo caso, poiché le trans di Marrazzo non sono diventate assessori alla Regione Lazio, né sono state candidate nelle sue liste civiche. Ma ha commesso altri reati e si è reso ricattabile: è out.

  6. max&dom

    Io propenderei per la tesi “‘na poraccia”….
    Poi che ne so, magari Marra avrà saputo che il monastero è gestito dall’Ordine delle Brendone….
    :o)

    Massimo

  7. Momento. C’è la possibilità che il Marrazzo abbia usato soldi pubblici per i suoi piaceri privati. Se dovesse risultare colpevole, NON MI FAREBBE NESSUNA PENA

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...