Per la Camera l’omosessualità è come necrofilia, zoofilia e pedofilia

Standard
Matthew Shepard (1976-1998) ucciso perché gay

Matthew Shepard (1976-1998) ucciso perché gay

Stupisce, ma non tanto, la bocciatura della legge Concia contro l’omofobia, che mirava a prevedere un’aggravante contro chi si macchiasse di aggressioni violente nei confronti di omosessuali. L’aggravante è prevista in molti codici penali occidentali, poiché l’aggressione per motivi di orientamento sessuale è equiparata all’aggressione per motivi razziali, religiosi eccetera. Laddove l’aggravante è stata approvata, i crimini dettati dall’odio di genere e di orientamento sono diminuiti. Aggiungo che probabilmente sono diminuiti non tanto per il valore di deterrenza dell’aggravante, quanto per la tanta informazione e istruzione fatta nelle scuole da parte dei ministeri delle pari opportunità in collaborazione con le associazioni LGBT di quei Paesi. In ordine di tempo, l’ultimo Parlamento che ha approvato una legge di questo genere è il Congresso degli Stati Uniti, che 4 giorni fa ha passato la Matthew Shepard Law, fortemente voluta dalla Matthew Shepard Foundation. Per sapere chi sia stato Matthew Shepard, potete leggere qui.

In ogni caso, in Italia nulla di tutto ciò. Se la bocciatura della legge ce l’aspettavamo, stupisce di più il fatto che la Camera ha votato una pregiudiziale di anticostituzionalità che recita come segue (tratto da La Stampa):

«La disposizione – si legge nella questione pregiudiziale a prima firma di Michele Vietti approvata dall’Aula – viola il principio di uguaglianza sancito dall’articolo 3 della Costituzione con riferimento al canone della ragionevolezza in quanto l’inserimento tra le circostanze aggravanti comuni previste dall’articolo 61 del codice penale della circostanza di aver commesso il fatto per finalità inerenti all’orientamento sessuale ricomprende qualunque orientamento ivi compresi incesto, pedofilia, zoofilia, sadismo, necrofilia, masochismo ecc.»

Inoltre per la pregiudiziale di costituzionalità «non essendo possibile accertare nell’interiorità dell’animo l’autentico movente che spinge alla violenza, ne conseguirebbe che chi subisce violenza, presumibilmente per ragioni di orientamento sessuale, riceverebbe una protezione privilegiata rispetto a chi subisce violenza tout court». Il testo Concia inoltre, secondo la pregiudiziale approvata, «si pone in contrasto con l’articolo 25 della Costituzione in quanto in assenza di una nozione di orientamento sessuale la circostanza aggravante, nella parte in cui dà rilevanza all’orientamento sessuale, viola il principio di tassatività della fattispecie penale».

La pregiudiziale, come già fatto dalla commissione Affari Costituzionali nel parere condizionato al testo Concia, evidenzia come «del termine ’orientamento sessualè non sia data una definizione, né sia rinvenibile nell’ordinamento penale. Il termine è estremamente generico in quanto può indicare fenomeni specifici come l’omosessualità oppure, più in generale, ogni ’tendenza sessualè comprendendo anche incesto, pedofilia, zoofilia, sadismo, masochismo e qualsiasi altro genere di scelta sessuale, che nulla ha a che vedere con l’omosessualità».

La pregiudiziale è stata votata dall’UDC, dal PDL, dalla Lega e spero siano mancati i soliti voti omofobici del PD, ma al momento non lo posso né escludere né confermare. a cominciare dalla Binetti (fonte: Radio Due, Caterpillar). Ne sapremo di più fra qualche giorno. Comqe il PD sembra piuttosto colpevole per come sono andate le cose, votando contro le stesse indicazione della relatrice della legge del loro stesso partito. Il PD ha voluto affossare la legge votando contro il rinvio in commissione per modificare il testo. Nei commenti ci sono diverse interpretazioni di questo passaggio. La cosa sicura è che Carfagna, dopo la bocciatura, ha annunciato che presenterà un altro testo di legge contro l’omofobia, e se capisco qualcosa di politica, il testo Carfagna ha più possibilità di essere votato dal Parlamento di quello Concia. Ma forse sono ottimista e sottovaluto la forza degli omofobi nel Parlamento italiano.

Qui, per chi ha voglia di leggere, lo stenografico della Camera (grazie a Oscaruzzo). Qui invece la reazione dell’ArciGay.

Il movimento LGBT organizza manifestazioni istantanee di protesta a Milano, Bologna, Torino e Roma. La manifestazione romana sarà alle ore 21.00, in piazza Montecitorio oggi 13 ottobre. I romani che possono andare, VADANO. (Fonte: Facebook).

15 pensieri su “Per la Camera l’omosessualità è come necrofilia, zoofilia e pedofilia

  1. PD

    Le cose non sono andate esattamente così. Il centro-destra mirava a riportare in testo in commissione per lasciarlo cadere nel dimenticatoio. Questa cosa è stata denunciata nel pomeriggio sia da Bressa (PD) sia da Palomba (IDV) nei rispettivi interventi. Il PD ha proposto un compromesso: rimandare il testo in commissione solo dietro la certezza che il DDL sarebbe ritornato in aula entro novembre. Tale compromesso è stato rigettato dal PDL-LEGA-UDC. Si è quindi votato per scegliere se rimandare il testo in commissione o tenerlo in aula. La Camera a maggioranza ha deciso di mantenere il testo in aula (con il voto determinante del PDL). Si è quindi votato per la pregiudiziale di costituzionalità posta dall’UDC. Tutto il PD e l’IDV (ad eccezione di Binetti) hanno votato a favore. Nel PDL ci sono state posizioni più variegate.

    Cosa doveva fare il PD? Accettare di abbandonare il testo in commissione? Se la Concia era contraria poteva alzarsi, chiedere la parola, e dire la sua, visto che è una deputata della Repubblica. Non l’ha fatto. Invece di pisciare controvento, accusando i suoi compagni di partito, farebbe bene a puntare il mirino contro i veri affossatori della legge: PDL-LEGA-UDC.

  2. Questo e` solo un affondo al PD. Il fatto che la legge provenisse da li` era il suo principale “difetto” e non poteva passare.

    La Carfagna si sta gia` muovendo per fare una legge uguale, che passera` senza problemi. Vedi ad esempio http://gaynews24.com/?p=5322

    Il PDL e` gia` in campagna elettorale, e sta giocando col PD (e con l’elettorato) esattamente come un gatto gioca con un topo morto.

    Per inciso, se hai voglia di leggere, qui c’e` lo stenografico della discussione alla Camera.

    http://www.camera.it/resoconti/dettaglio_resoconto.asp?idSeduta=231&resoconto=stenografico&indice=alfabetico&tit=00070&fase=00030#sed0231.stenografico.tit00070.sub00030

  3. perdonami ma stavolta non ho letto il post.

    …ma un reato a parte no? comunque se non fanno qualcosa il prossimo governo di centrosinistra cominciamo a mettere da parte un po’ di soldi per la nafta…

  4. Anche, Rigitans, anche… l’essenziale è che ci sia una fattispecie di reato. Poi che sia la stessa di chi aggredisce un nero in quanto nero, o una fattispecie diversa, tutto sommato non ha grandissima rilevanza.

  5. Un’altra occasione mancata di dare una parvenza di progresso,di civiltà e di dare un segnale forte contro le discriminazioni.
    Ma che vuoi da un paese che ha fatto passare 20anni prima di definire nel codice penale il reato di stupro nei delitti contro la persona?
    Un caro abbraccio

  6. mio padre, che è un uomo di destra, mi ripeteva spesso una frase: “le chiacchiere stanno a 0”.. per una volta sono politicamente concorde con lui..

    hanno avuto un anno e non sono stati capaci di fare una legge che poi potessero approvare?
    condivido la tua rabbia sclitian.. inutile nascondersi dietro ad un dito.. il parlamento non è stato capace neanche di esprimersi contro la violenza..

    che dici, dovremmo inscenare un rapporto orgiastico con un furetto in piazza montecitorio per dargli ragione?

  7. Guapo Romano

    altrove nel mondo si stanno eveolvendo leggi per il matrimonio, adozioni etc etc…ministri gay, ambaciatori, CEOs….qui ancora non si riesce a fare una legge contro l’omofobia (cosa che è nel Trattato di Lisbona che abbiamo approvato come Italia) perchè è incostituzionale? non ne capisco molto…ma perchè per il Lodo ALfano non è stata fatta la stessa cosa (che poi è risultato anche esso incostituzionale per lo stesso articolo il 3 della Costituzione)..che infinita tristezza…prepara le brandine che veniamo tutti in Canada!ciao

  8. Ma io non metterei nel calderone un po’ di tutto. La bocciatura viene sia da chi è contrario alla legge tout court, sia da chi è preoccupato che la legge passi senza essere bocciata dalla Corte Costituzionale. In quei voti c’è di tutto. E’ evidente che è meglio fare una legge per bene fin da subito ed evitare che sia poi la Consulta a bocciarla per difetto di costituzionalità (con relativa interpretazione degli scettici mirante a uccidere del tutto ogni normativa a riguardo). Bisogna cioè trovare il modo per formulare l’aggravante senza ledere l’art. 3 della Costituzione, un metodo simile a quello della legge Mancino sul razzismo (che si richiama alle disposizione sul partito fascista). E inoltre questa legge si sarebbe dovuta subito cambiare per recepire una normativa europea che prescrive la tutela delle categorie deboli in senso più ampio. Quindi mi pare che tutte queste interpretazioni sull’omofobia, le manifestazioni delle associazioni, le grida degli scandalizzati siano piuttosto capziose: meglio premere perché la Carfagna tenga fede al suo impegno.

  9. Hamelin, mi pare ti sfugga che la Camera ha votato una pregiudiziale di Costituzionalità imperniata sul falso concetto che per “orientamento sessuale” si potrebbe intendere anche “pedofilia, zoofilia” eccetera. QUando naturalmente i sessuologi hanno definito che nell’orientamento sessuale rientrano solo gli eterosessuali, gli omosessuali, i bisessuali, i transessuali e gli intersessuali. I pedofili e i zoofili sono considerati comportamenti devianti dalla norma (e crimini, questo per il codice penale). Il Parlamento ha fatto finta che dietro l’etichetta di “orientamento sessuale” ci fosse il buio, il mistero, la possibilità di includere anche i pedofili. Tutte menzogne, tutte falsità.

  10. Lorenzo (L. Gallo)

    L’unica cosa che ci possiamo aspettare da un governo di destra sarebbe almeno l’abolizione della Legge Mancino, che sancisce legalmente che picchiare un nero o un ebreo è più grave che picchiare un omosessuale, nonostante tutte e tre le categorie siano esposte a possibili hate crimes. La Legge Mancino, così com’è, mi sembra più un insulto alle persone LGBT che una reale tutela per le altre minoranze.

  11. Lorenzo (L. Gallo)

    Invece sono d’accordo con te, Sciltian. Io dicevo cosa questo governo POTREBBE, non cosa DOVREBBE fare. Chiaramente la Legge Mancino sarebbe utile e buona se non fosse iniqua nella sua attuale formulazione, visto che esclude una minoranza numericamente consistente e fortemente esposta all’odio sociale. Così com’è, la Legge Mancino INCORAGGIA la violenza contro una minoranza per salvarne altre, quindi è una legge razzista. O si cambia (e questa sarebbe la scelta migliore, ovviamente, secondo chi scrive), o almeno la si abolisca tout court. La cosa peggiore è che resti in vigore così com’è, ma anche che si approvi una legge separata per le persone LGBT (ma quest’ultima cosa non c’è rischio che accada, come si è visto).

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...