Analfabetismo di ritorno per l’80% degli italiani. La Brambilla si mette il colbacco con la stella azzurra

Standard

Sono davvero strabilianti i risultati di queste indagini sul reale tasso di alfabetizzazione e di alfabetizzazione numerica del popolo italiano. L’articolo è scritto da Tullio De Mauro, uno dei massimi linguisti viventi, e lo consiglio a tutti.

***

Trovo altrettanto strabiliante l’iniziativa del Ministro per il Turismo, Michela Brambilla, di creare una sorta di velina di Stato italiana da spedire alle redazioni dei media stranieri che osano parlare male dei crimini commessi dal Sultano. La Brambilla, con questa idea di stampo sovietico, non si rende conto di quanto contribuirà ancor di più a convincere anche i giornalisti stranieri più restii del fatto che l’Italia è soggetta a un regime di videocrazia, nel quale chi governa pensa di poter controllare ciò che i media dicono in materia politica. Vai Brambilla, vai avanti così, e nel giro di poco tempo ci sarà davvero la possibilità di riaccogliere a braccia aperte le divise di qualche esercito straniero, così come il motto di AdF dice.

Annunci

10 pensieri su “Analfabetismo di ritorno per l’80% degli italiani. La Brambilla si mette il colbacco con la stella azzurra

  1. è fantastico perché pensano davvero di avere a che fare con i curvi giornalisti italiani, non esiste un Minzolich, un Minzowleeeny, o un Minzolin

  2. Sì, infatti questi al governo sono talmente plagiati dal culto del capo che non si rendono conto degli effetti deleteri di una simile iniziativa nei paesi dove l’informazione è libera e non soggetta ad alcun potere politico.

  3. Daniele Leo

    In effetti è allucinante che non si rende conto di quel che va proponendo: un ente politico che dà il bollettino governativo che la stampa straniera dovrebbe riportare… Ma si rilegge quando propone queste aberrazioni?

    Immagino poi questi giornalisti “di età media massimo 30 anni”, che scriverebbero qualsiasi cosa pur di affermarsi e far carriera.

  4. Evvai, io sono un analfabeta numerico, faccio di conto con le dita e non so nemmeno cosa è una equazione (di qualsiasi grado).
    Ho vinto qualcosa? Comunque a me l’illustrissimo De Mauro non me l’ha misurato, l’analfabetismo…

  5. Me lo diceva sempre un mio insegnante: “la cultura di una persona è tutto quello che questa ricorda dopo aver dimenticato l’insegnamento avuto”.
    Lo vedo anche su di me se tralascio di informarmi, di leggere, di studiare, appaiono quei punti vuoti nella mente simili a pagine bianche e spesso,ormai, mi trovo a consociare con persone che hanno alle spalle percorsi di studio di un certo livello ma che una volta terminati sembra che insieme ai libri abbiano chiuso anche i cervelli. La cosa triste è che sono del tutto convinti che l’agognato titolo di studio li metta perennemente al riparo da tutto questo.
    Sulla Brambilla turistica che dire, quel “bombardare quelle stesse redazioni con comunicazioni veritiere e positive” basta a capire con quale stile intende portare avanti la sua personale concezione di rappresentante di un Ministero della Repubblica (delle banane italiane) e quanto certi deliri senili siano contagiosi. Già me li immagino i commenti dei media stranieri.

  6. E’ utile sottolineare che i dati citati da De Mauro non rappresentano un peggioramento rispetto a 50 o 30 anni fa, dato che anzi la situazione è certo migliore (ricordo una ricerca di poco tempo fa su come, a differenza di quel che si ritiene comunemente e a differenza del commento n. 3 dove c’è un macroscopico errore, si diceva che il congiuntivo è molto più usato oggi di quanto lo fosse un tempo). Il problema forse è che oggi non c’è più quello sforzo delle istituzioni che 50 anni fa si rendevano conto di quanto si dovesse recuperare rispetto agli altri, mentre negli ultimi decenni la questione non è più percepita come grave.

  7. Ma io voglio assolutamente vedere la faccia dei giornalisti di stampa internazionale quando la ricevono! Devono fare espressioni più buffe di quelli degli scherzi nelle candid camera! Me li immagino mentre cercano di capire dove è nascosta la telecamera! Hahahaha!

  8. “Vai Brambilla, vai avanti così, e nel giro di poco tempo ci sarà davvero la possibilità di riaccogliere a braccia aperte le divise di qualche esercito straniero, così come il motto di AdF dice.”

    Sono sicuro che irakeni ed afgani sottoscriveranno in pieno questo tuo auspicio.

  9. Dio santo benedetto!!
    Io sono donna e spesso mi batto per la parità nella diversità che qui in meridione spesso è un optional, sono una che si indigna anche alle offese alla Bindi, e si incazza per le veline e il loro uso e per le pubblicità tutto tette e culi, che castrerebbe i violentatori e che vorrebbe i papà a cambiare pannetti ma quando penso alla Brambilla allora , giuro, capisco quando gli uomini ci dicono di andare a lavare i piatti…che malinconia…
    Un barraccio affettuoso non censurato
    ps: la cultura? Beh oramai si sa che nessuno capisce che la cultura è cibo per l’anima solo che qui c’è chi pensa che l’anima pare sia un bene di consumo inutile…che tristezza…

  10. Bizzarri, immagino proprio di sì, considerati i regimi precedenti. Ma in ogni caso so dirti con certezza assoluta che noi italiani siamo stati molto felici di accogliere le truppe alleate che ci hanno invaso e liberato nel 1943-45. Facevo riferimento alla nostra storia “recente”.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...