L’omofobia di Rosy Bindi

Standard

Il post seguente è stato rifiutato dalla redazione de Il Fatto Quotidiano con la seguente motivazione: “Ciao Sciltian,
ti ringrazio per averci provato, ma purtroppo il problema rimane. [...], ma si tratta di una questione tecnica. se noi scriviamo Rosy Bindi è malata di omofobia, poiché siamo una testata giornalistica con un codice deontologico , Rosy Bindi ci querela. Quindi sentiti pure libero di pubblicare il post nel tuo blog, che è soggetto a regole diverse.

Non condivido la motivazione di questa piccola censura, perché è mia opinione che chi dice le frasi dette da Rosy Bindi (e riportate nel pezzo) è omofobo de facto, e una eventuale querela serve semmai a sancire la cosa anche a livello di Tribunale. Non è che se un giornale evita di scriverlo, quella persona diventa non omofoba. E’ solo l’ennesima dimostrazione di quanto indietro sia la società italiana sul tema dell’omofobia, redazioni dei giornali di opposizione inclusi. Ai miei lettori decidere se il pezzo in questione è da censurare o no. S.G.

***

Un partito che voglia dirsi “democratico” può permettersi di avere un presidente omofobo nel XXI secolo? In Europa occidentale la risposta è no. La riflessione vale anche per un partito che voglia dirsi “liberale” o “conservatore” e senta la necessità di tenere alta la distanza dalla Destra reazionaria o filonazista.

L’on. Rosy Bindi è malata di omofobia e dimostra questa sua patologia nel momento in cui dice frasi agghiaccianti tipo quella che l’ha resa celebre in Canada e nel resto d’Occidente: «Il desiderio di maternità e di paternità un omosessuale se lo deve scordare. [...] Non sarei mai favorevole al riconoscimento del matrimonio fra omosessuali: non si possono creare in laboratorio dei disadattati. È meglio che un bambino cresca in Africa.» (12 marzo 2007). Cinque anni dopo Bindi dimostra di non aver imparato nulla dai propri errori. Per rispondere all’ennesima barbarie omofobica proveniente dal segretario coi fili del Pdl, Angelino Alfano, l’ex ministro del governo Prodi ha dichiarato a Sky: «La famiglia fondata sul matrimonio ha la priorità, lo dice la Costituzione. Ma il Pd non ignorerà i diritti di tutti. Il matrimonio però è solo eterosessuale, è un punto molto fermo». (11 marzo 2012)

Sulla vistosa contraddizione giuridica della sentenza n.138 2010 (15 aprile) della Corte Costituzionale che ha di fatto subordinato la Costituzione al Codice Civile, si è di recente espresso il giurista Persio Tincani in un ottimo intervento su Micromega e a quello rimando quando la poco onorevole Bindi tira in ballo la Costituzione. Ricordo solo che il Codice Civile italiano è stato scritto in epoca fascista e che proprio in tema di matrimoni alcuni suoi articoli sono dovuti essere abrogati (la cosiddetta “defascistizzazione” del Codice) perché apertamente razzisti, come il 91, che difendeva la purezza della razza italica dai matrimoni “misti”.

Ma il problema qui è nella patologia espressa dalla signora Bindi. Parlo proprio di “patologia” perché intendo il termine “omofobia” secondo l’affermata definizione usata da Martin Kantor: una manifestazione di sessuofobia dovuta al fatto che i genitali sono anatomicamente vicini agli organi escretivi, motivo per cui gli omofobi provano schifo o disgusto verso ogni atto sessuale, specialmente orale e anale (1998, 13-6). In questo senso, l’omofobo può odiare qualunque atto sessuale, sia esso eterosessuale o omosessuale. Gli omofobi, secondo Kantor, soffrono di un disturbo emotivo, sono individui in perenne conflitto fra i loro desideri segreti che guidano le loro paure manifeste.

Pochi omofobi e pochi sessuofobi ammettono di essere omofobi o sessuofobi e su questo Rosy Bindi non fa eccezione. Alcuni fra loro citano a sproposito le Sacre Scritture (vedere il capitolo “Dio odia i finocchi” del saggio Gay: diritti e pregiudizi per approfondire il tema) come motivo della propria omofobia, altri citano (sempre a sproposito, vedere in particolare gli artt. 3 e 29) la Costituzione italiana. La realtà è, sostiene Kantor, che citano la Bibbia perché sono omofobi, e allo stesso modo, aggiungo io, citano la Costituzione perché sono omofobi.

La società italiana, culturalmente, è una delle più omofobe dell’Occidente e i motivi di questo fatto non sono in realtà chiarissimi. Diversi studiosi indicano l’influenza che il cattolicesimo ha avuto per millenni sulla penisola come una delle maggiori cause di questa anomalia italiana. Il sociologo Marzio Barbagli ha dedicato vari studi a questa peculiarità della società italiana e l’ha collegata alla mancata parità fra uomo e donna che persiste in Italia più che nel resto d’Occidente sotto tutti i punti di vista, dall’economico al culturale. In un’intervista a Repubblica ha affermato: “Siamo ancora una società fortemente eteronormativa (la pretesa della cultura eterosessuale di interpretare se stessa come esprimente tutta la società, inclusa quella parte che eterosessuale non è, nda) che tollera di più ma non accetta ancora, e questa contraddizione è lo scoglio da superare, forse più dell’intolleranza manifesta.

Che la società italiana sia arretrata sul tema dei diritti civili rispetto all’Occidente è un fatto indiscutibile. Chi però riveste ruoli di rilievo nell’agone politico non può permettersi di essere a sua volta vittima di situazioni di ignoranza, di patologia o di semplice discriminazione. Basterebbe sostituire il termine “ebreo” al termine “omosessuale” dalla frase di Bindi del 2007 per rendere chiaro che chi incita alla discriminazione e al mantenere lo statu quo d’ineguaglianza contro le persone GLBT non ha spazio nelle società moderne occidentali, men che meno all’interno di un partito che si richiama a principi di solidarietà e di uguaglianza sostanziale.  Onorevole Bindi, glielo chiedo come cittadino italiano prima ancora che come intellettuale: sul tema del diritto al matrimonio per tutti, si aggiorni o si dimetta dalla politica italiana.

Su Grillo, è il PD a esser qualunquista

Standard

E per la seconda volta, sono l’autore del post più commentato del miglior quotidiano d’Italia.

Non sono un elettore del Movimento 5 Stelle, ma vedo in questa realtà popolare (assai di più che nel suo istrionico leader) un senso e una giustificazione politica. Non condivido alcune delle loro parole d’ordine e i loro atteggiamenti della serie “Destra e Sinistra sono tutti uguali”, ma riconosco che in certi casi è davvero difficile distinguere dove sia la modernità di stampo occidentale tra ciò che propone la Sinistra e ciò che propone la Destra. Un esempio in questo senso è dato dalle elezioni per il Sindaco di Torino, dove i cittadini si trovano a dover scegliere fra un dinosauro piddino come Piero Fassino e il candidato appoggiato non a caso anche dai neo-fascisti della Destra di Storace, Michele Coppola. Solo per citare un unico tema, si tratta di due uomini politici del tutto digiuni in tema di diritti civili delle persone LGBT: Fassino fino a tre anni fa non sapeva nemmeno pronunciare in inglese il termine “gay”, Coppola ha appena tolto il patrocinio della Regione Piemonte al più prestigioso Festival del Cinema Gay che esista in Italia, perché certa Destra estrema quando sente parlare di “cultura” mette mano alla pistola, sulla scia della tristemente famosa frase di Goebbels. Badate: si tratta di un tema che nel resto dell’Occidente non divide più fra moderati di Destra e moderati di Sinistra, così come non ci si divide più fra “bianchi suprematisti” e non bianchi. Facile comprendere l’endorsement di Marco Travaglio per Vittorio Bertola, candidato del M5S locale, classe 1974 (classe di ferro, visto che è anche la mia), ingegnere elettronico laureato al Politecnico di Torino con 110/110.

Tuttavia, da quando il M5S si è affacciato alle elezioni mietendo successi clamorosi, il Partito Democratico si rifiuta di cercare di comprendere questo fenomeno politico. E non mi riferisco qui ai dinosauri come Fassino, ma anche ai migliori esponenti del PD, come per esempio la giovane, sveglia e caparbia Cristiana Alicata, che proprio di recente ha sostenuto un ridicolo parallelo fra Mussolini e Beppe Grillo, poi rimodellato nello stigma di un comune qualunquismo che associa assieme Mussolini, Guglielmo Giannini, Berlusconi e Beppe Grillo. Alicata sembra credere che il modo migliore per conquistare elettori al M5S sia quello di insultare il loro leader, così come chi segue Alicata pensa che con l’arma del sarcasmo e dello snobismo di Sinistra si porteranno elettori del M5S verso Fassino e il PD. Io mi sbaglierò, ma secondo me non solo non si conquista nemmeno mezzo voto in questo modo, ma anzi si contribuisce a perderne in quella vastissima area di elettori in bilico proprio fra la Sinistra e il M5S. Un’area che, stando agli studi statistici, sembra fino a oggi più ampia di quella opposta, gli indecisi fra il M5S e la Destra.

Alle scorse regionali, quando la Sinistra perse il Piemonte per 9mila voti in favore di Cota e il candidato del M5S ne ottenne 90mila, i piddini si affrettarono a scrivere: “Per colpa di Beppe Grillo la Bresso non è presidente”. Ma a uno slogan così folle e affatto umile rispose in modo giustamente surreale il M5S: “Per colpa della Bresso, Bono (candidato del loro movimento, ndr) non è Presidente”. In politica non ha senso biasimare gli avversari politici perché “hanno osato” presentarsi alle elezioni contro il tuo candidato. Non si può immaginare che tutti gli elettori di un movimento che forse si percepisce come affine per certi versi, avrebbero votato automaticamente per te in mancanza del proprio candidato di bandiera. Al contrario, chi vuole far politica deve sforzarsi a capire la società e gli elettori. Deve cercare di sedurre e convincere l’elettorato altrui, non di insultarlo o schernirlo. Passi che Piero Fassino non riesca a capire la lezione, ma se non la capiscono nemmeno i giovani del PD, i berlusconiani godranno ancora di lunga, lunghissima vita. Immeritatamente, ma con più merito di questa ombelicale classe dirigente del PD.

PD: l’incapacità principale è nella sua comunicazione

Standard

Sono incappato in un meraviglioso articolo scritto da Claudio Cerasa per Il Foglio, che spiega in modo veramente cristallino quale sia il principale problema del Partito Democratico: la sua incapacità comunicativa e linguistica. Nel mio piccolo, con Anellidifumo prima e con Anellidifum0 adesso, ho sempre sostenuto questa teoria. La comunicazione politica è uno dei campi che mi affascinano e nei miei studi sul Senatore McCarthy, uno dei massimi maghi della comunicazione politica del Novecento (ma attenzione: non della comunicazione televisiva, che fu proprio l’handicap che lo fece tramontare), ho più volte ribadito ciò che in fondo tutti noi sappiamo: se vuoi candidarti a guidare il Paese, occorre che la gente – tutta, soprattutto la meno scolarizzata – ti capisca e ti percepisca come emotivamente vicino.

Essere chiari. Non usare, per un politico italiano, il latino o l’inglese o altre lingue in campagna elettorale.

Ripetere: ripetere pochi concetti, poche frasi, poche idee ben precise. Tornare a ripeterle e ricordare al pubblico di averlo detto. Che poi è un elemento base dei manuali di propaganda (non solo politica) dai tempi dell’invenzione della radio, eh, non è che sia roba nuoverrima.

Parlare a tutti, non avendo paura di dire ciò in cui credi. Vuoi dare l’asilo nido a tutti quelli che hanno figli, e soprattutto a chi ne ha di più e ai più poveri? Il tuo slogan sia: “Un asilo per tutti i figli”. Che, implicitamente, contiene elementi difficili da far accettare ai più intolleranti e meno scolarizzati, tipo “anche per i figli degli zingari e degli immigrati e dei miliardari in euro” ma non c’è bisogno di starlo a sottolineare. Il messaggio che passa è quello semplice. Tu ripetilo mille volte ovunque tu vada, e sarai ricordato “come quello degli asili a tutti”. Parlare a tutti significa lasciar entrare un pochino di populismo, non c’è dubbio. Può far storcere il naso agli alto borghesi il quid di populismo, ma le elezioni politiche sono l’eccellenza del popolare e del populistico. Guardate all’oratoria dei grandi capi politici italiani di oggi: forse che manchi un quid di populismo in Berlusconi, Bossi, Fini, Casini, Grillo, Di Pietro, Vendola? Chi più, chi meno, certo. Ma c’è in tutti, e poi sta a te saper non eccedere.

Nell’articolo di Cerasa si fa una bella analisi di alcune famose opere di George Lakoff, linguista che studio con divertimento. Fra le cose imperdibili dette da Lakoff e ricordate da Cerasa:

E nella teoria di Lakoff creare un frame efficace significa essere capaci di usare con abilità simboli in grado di orientare le emozioni dei cittadini “in maniera da predeterminare l’accettazione o il rifiuto di un argomento prima ancora di un’analisi critica e razionale”. Tradotto significa che una volta imparato il meccanismo dei frame, i democratici saranno capaci di strappare il mondo dalle mani della destra.

Secondo il linguista di Berkeley, alla radice di molti problemi che tormentano i riformisti di mezzo mondo vi è una questione di carattere squisitamente culturale: un equivoco frutto di un esasperato riflesso illuministico che da anni tormenta i progressisti non solo americani. I liberal – dice Lakoff – hanno da tempo il vizio di considerare la politica come una realtà perfettamente logica e lineare: in cui la ragione conta più dell’emozione, in cui ogni cosa è prevedibile e in cui ci si illude che basta fornire scientificamente agli elettori fatti e cifre perché questi possano votare per il candidato migliore. E inevitabilmente, chiunque si opponga al nostro ragionamento non può che essere irrazionale, se non un imbecille.

Ma uno degli elementi centrali del bellissimo pezzo giornalistico è quello che tratta del rapporto fra partito e intellettuali, che in un certo senso riguarda anche me che in definitiva campo scrivendo libri e insegnando in università:

I progressisti italiani, bisogna dirlo, hanno sempre avuto un rapporto molto complicato con la narrazione della loro identità: un tempo la sinistra affascinava così tanto gli intellettuali da arrivare a condizionarne persino il pensiero; poi gli intellettuali hanno iniziato ad affascinare così tanto la sinistra da condizionarne in modo decisivo il passo politico; infine – e questa è la fase che più ci riguarda – gli intellettuali, dopo essere diventati il faro del partito, si sono allontanati dalla nave del pensiero progressista e la sinistra si è così ritrovata senza una rotta, e senza più punti di riferimento. “Le scelte politiche – dice Lakoff – hanno bisogno di un impianto narrativo. Emotivamente convincente per arrivare alla gente. Una corretta narrazione della politica è frutto di un’accurata selezione di alcune precise parole che siano capaci di provocare emozioni uniche”.

Ecco non si poteva dirlo meglio. A forza di circondarsi di portaborse e leccaculi, persone che non hanno semplicemente studiato abbastanza, e non sono in grado né di capire né di apprezzare cosa è “popolare” e cosa è “populista ma necessario”, il PD ha perso anche la capacità di dialogare con gli intellettuali che aveva un certo PCI, per lo meno fino al 1951. Ricorderete le parole irridenti di Togliatti contro Vittorini che, soffrendo, decise di restituire la tessera: “Vittorini se n’è ghiuto e soli ci ha lasciato”. Eppure, quando perdi una mente sola del calibro di Vittorini, e del calibro di tutte quelle menti perse dopo il 1956 (solo per citare un altro nome: Italo Calvino), se sei un politico con le antenne devi capire di essere TU fuori strada. E’ la linea del partito a essere sbagliata, allora come nel 1966, come nel 1984, come ai tempi del nucleare, come ai tempi della tiepidezza verso i matrimoni per coppie dello stesso sesso.

Molto interessante poi l’analisi di Gotor sullo stile linguistico di Bersani, che fondamentalmente è inadatta al lessico e allo stile di un leader politico nazionale che debba parlare a strati di cittadinanza anche molto diversi tra loro. Davvero un ottimo articolo, bisogna riconoscere che su Il Foglio di Ferrara ogni tanto cose del genere si leggono, mentre su Il Post di Baby Sofri ve le scordate. Sarebbe interessante cercare di capire perché ne Il Post c’è tanta mediocrità, tanto livore fuori posto contro, in particolare, altri giornali di opposizione come Il Fatto Quotidiano, anziché analisi della società o contributi intellettuali per smontare la macchina dell’egemonia culturale berlusconiana. Tutto questo nonostante abbiano, a Il Post, immagino un buon materiale umano di partenza. Forse è un eccesso di snobismo e di pensare d’esser sempre nel giusto e dalla parte della ragione. Un non mettersi mai nel dubbio di avere, in realtà, torto. Di vedere il mondo come “noi giusti e buoni”, dillà “sporchi e cattivi o coglioni”. Una caratteristica che è tipica anche di Berlusconi e de Il Foglio, ma il primo lo sa declinare in modo populisticamente vincente, il secondo lo abbandona spesso con riconoscimenti autocritici e capacità di indagine che non si fanno problemi di aiutare la parte creduta come avversa. Bravo a Cerasa, stavolta.